diredonna network
logo
Stai leggendo: 10 Idee Facili e Veloci per il Pranzo di Natale!

Faraona ripiena

Tartare di Salmone

Gamberoni alla griglia

Arriva la Birra che si Spalma Come la Nutella: Ecco Dove Trovarla!

Spezzatino di cinghiale in umido

Tortino di alici

Tranci di salmone al forno

Melanzane in agrodolce

Castagne lesse

Gnocchi alla parigina

10 Idee Facili e Veloci per il Pranzo di Natale!

Vogliamo un pranzo di Natale "alternativo" che non preveda giorni e giorni di tour de force davanti ai fornelli? Ecco allora 10 idee facili e rapide da preparare per il pranzo di Natale!
Fonte: web

Chi l’ha detto che il pranzo di Natale dev’essere per forza un tour de force in cucina che inizia il 23 dicembre davanti ai fornelli e si conclude il 27 con noi distrutte davanti al lavello cercando di mettere ordine tra piatti, bicchieri, cartoni di panettone e bottiglie di spumante? Nessuno. E nessuno dice che un pranzo di Natale nato da idee facili e veloci sia sciatto o poco d’impatto per i nostri ospiti. Tutt’altro: magari possiamo dare un tocco di originalità ai piatti che serviremo il giorno di Natale, senza per forza rispettare una tradizione fatta di cotechino e lenticchie (buonissimo, per carità, ma di certo non la ricetta più rapida da preparare) o di cappone ripieno o di dolci come il torrone o il panettone fatti in casa.

I motivi per cui possiamo decidere di optare per un pranzo di Natale a base di ricette facili e veloci possono essere i più diversi:

  • Saremo solo noi e la nostra famiglia: che bisogno c’è quindi di estrarre dal cassettone tutto l’armamentario di bicchieri di cristallo e posate d’argento? Godiamocela tra di noi all’insegna della semplicità!;
  • Oltre a noi e ai nostri famigliari più stretti ci saranno anche amici cari o parenti a cui siamo molto legate, quel tipo di persone che non si formalizzano se il pranzo di Natale non è composto dall’antipasto al dolce esattamente come dettano i testi sacri della cucina;
  • Abbiamo in programma un cenone della Vigilia piuttosto pesante e, quello sì, sul classico andante, quindi per la giornata di Natale possiamo permetterci di stravolgere le carte e optare per qualcosa di diverso!

Ecco quindi 10 idee facili e veloci per il nostro pranzo di Natale!

1. Uova ripiene, per iniziare con leggerezza!

Fonte: web

Le uova ripiene sono un ottimo antipasto per il pranzo di Natale e si prestano a diverse e fantasiose interpretazioni, tutte semplici e rapide. Possiamo per esempio preparare delle uova ripiene al tonno (ricetta che richiama al volo anche la variante con tonno e olive oppure con tonno e philadelphia): se siamo particolarmente affezionate alla cucina giapponese, anziché utilizzare il classico tonno in scatola possiamo usare del tonno fresco per avere le nostre personalissime uova ripiene al… sashimi. Sempre per le amanti dell’etnico suggeriamo le uova ripiene di cous cous: si utilizza del cous cous già cotto (magari anche del giorno prima) da mescolare con peperoni rossi, maionese e pomodorini secchi.  Per i palati più sofisticati ci sono poi le uova ripiene al salmone e caviale, da preparare come quelle al tonno semplicemente variando il ripieno.

Se non dovesse piacerci la variante a base di pesce possiamo sbizzarrirci con ripieni di creme, per esempio con uova ripiene alla crema di asparagi, ma nulla ci vieta di preparare una ricetta col prosciutto. Le uova ripiene al prosciutto sono semplicissime: è sufficiente frullare i tuorli delle uova sode con il prosciutto cotto preventivamente sminuzzato, aggiungere ricotta, un pizzico di sale e pepe bianco; quando avremo ottenuto una crema omogenea e liscia usiamola per il ripieno. Rapido e buonissimo!

Piccola nota: ricordiamoci che per ottenere un buon antipasto, le uova farcite devono riposare in frigo per qualche ora prima di essere servite!

2. Involtini dal gusto sfizioso e rustico!

involtini natale

Dalla leggerezza raffinata delle uova passiamo al gusto saporito e rustico di un altro antipasto, gli involtini del contadino, una ricetta che generalmente non scontenta nessuno perché molto sfiziosa: un croccante involucro di pasta fillo racchiude al suo interno speck e philadelphia, ma come sempre per i condimenti possiamo servirci di tutta la nostra fantasia. Ecco quindi la ricetta degli involtini del contadino!

Questi involtini possono diventare – a seconda delle nostre preferenze e di quelle di eventuali invitati – vegetariani, ripieni di carne (petto di pollo o lonza di maiale) o pesce, meglio se code di gambero, ma va benissimo anche il salmone. O, ancora, se il pesce ci piace proprio c’è la variante degli involtini con gamberi e zucchine, facilissimi e rapidi: il procedimento è lo stesso degli involtini del contadino tradizionali, solo che anziché aggiungere anche carote e sedano ci limiteremo alle zucchine, da frullare poi per ottenere un composto. Nel frattempo scottiamo per 5 minuti in acqua salata i gamberi e procediamo normalmente.

Possiamo anche cucinarne degli involtini speziati se amiamo i sapori forti oppure possiamo optare per la salsa agrodolce. Se volessimo proprio strafare, in luogo della pasta fillo potremmo procurarci dei fogli di carta di riso: il nostro Natale sarà estremamente… orientale senza nulla togliere alla croccantezza del piatto!

3. E dopo gli antipasti, via al pranzo di Natale con la pasta!

tortellini e pasta

Volendo, durante un pranzo di Natale informale i primi possono essere saltati o sostituiti con un semplice piatto di tortellini in brodo, magari ricorrendo a quelli già pronti per evitare di impazzire con la preparazione della pasta fatta in casa. Se vogliamo qualcosa di più sostanzioso ma sempre di facile e rapido possiamo cavarcela con una ricetta “mari e monti” ossia la pasta a base di funghi, tonno e acciughe. Una volta puliti i funghi, passiamoli con un panno umido e tagliamoli a fette; nel mentre facciamo rosolare aglio, olio e burro per poi unire l’acciuga da ridurre in poltiglia con la forchetta. Uniamo i funghi per una ventina di minuti e in seguito tonno sminuzzato, origano, sale e pepe. Facilissima, no? E vedrete che successo!

4. E per chi preferisse il risotto? Ce n’è anche per Natale!

Fonte: Web

Se ci venisse voglia di un risottino, per rimanere in tema con gli ingredienti già utilizzati per gli antipasti, possiamo preparare un risotto alla crema di gamberi, philadelphia e piselli, delicato, semplice e gustoso. Dopo aver lavato i gamberi, mettiamoli in un pentola con olio, passata di pomodori e sale. Togliamo la coda di metà dei nostri gamberi (per la guarnizione finale) e mettiamoli nel frullatore unendovi ancora un po’ di pasta di pomodoro e la philadelphia, sino a ottenere una crema. Aggiungiamo il riso nella casseruola fino a cottura desiderata; uniamo anche la crema e i piselli e mescoliamo bene. Non avete già l’acquolina?

5. Chi più baccalà… più ne metta!

baccalà romana natale

Almeno a Natale non possiamo farci mancare una sfiziosità fritta. A noi, per esempio, piace molto il baccalà fritto alla romana, che spesso viene messo sulla tavola di Natale insieme al fritto misto. Si tratta di un piatto tipico della cucina romana che, come tutti quelli visti sinora, presta il fianco a numerose interpretazioni. Trovate qui la ricetta del baccalà fritto alla romana.

Ai bambini – ma anche ai grandi naturalmente – potrebbe piacere la versione con salsa di pomodoro, oppure dall’area del Lazio possiamo spostarci a Genova e Napoli che a loro volta hanno elaborato delle versioni ad hoc di baccalà fritto. Per il baccalà fritto alla genovese basterà preparare la pastella con farina, uovo, acqua fredda e un cucchiaio di olio extravergine d’oliva; quando la pastella sarà amalgamata immergiamo i filetti e facciamoli friggere nell’olio ben caldo per poi scolarli su carta assorbente. Il baccalà fritto alla napoletana prevede dal canto suo  di tagliare a pezzi il baccalà e infarinarlo abbondantemente per poi friggerlo in olio bollente finché ben dorato. In questo caso il baccalà va servito con spicchi di limone. Tutti ottimi, garantiamo noi!

6. Secondo a base di carne: perché non le scaloppine?

scaloppine

Se preferiamo un secondo piatto di carne che non sia impegnativo, volendo anche da preparare al volo, perché non provare con le scaloppine? Si tratta di una ricetta facilissima e che possiamo preparare, sempre senza perdere ore ai fornelli, in tantissime varianti. Le più conosciute sono naturalmente le scaloppine al vino bianco: sarà sufficiente passare le bistecche di pollo nella farina, quindi farle cuocere in padella con poco olio sfumando con il vino bianco che, amalgamandosi alla farina, andrà a creare un’ottima salsina. Alcune alternative rapide e veloci possono essere le scaloppine di pollo al limonele scaloppine di maiale al limone o le scaloppine al marsalaOttime (e velocissime) anche le scaloppine ai funghi: dopo aver scaldato l’olio nella padella rosoliamo i funghi a fuoco vivace da trasferire in un piatto una volta cotti. Infariniamo le bistecchine e cuociamole nella stessa padella dei funghi – aggiungendo olio se necessario – di cui prenderanno il sapore. Sfumiamo con vino bianco e riportiamo i funghi nella padella cuocendo ancora per qualche minuto: il gioco è fatto!

Se volessimo stupire gli ospiti e far gola ai bambini con una ricetta originale possiamo provare le scaloppine alle fragole, che renderanno il nostro piatto in pendant con i colori natalizi. Passiamo le bistecche nella farina e rosoliamole velocemente nell’olio, poi mettiamole da parte in un piatto coperto. Nella stessa padella facciamo rosolare dello scalogno e, quando prenderà colore, aggiungiamo un cucchiaio di acqua e facciamo cuocere. Aggiungiamo le fragole lavate e tagliate a pezzi e facciamole cuocere schiacciandole lievemente con la forchetta. A piacere possiamo aggiungere capperi, zenzero e menta. Al momento di servire in tavola basterà riscaldare la salsina di fragole e aggiungere le fettine di carne: in pochissimo tempo avremo il nostro secondo di carne buono e sfizioso che lascerà tutti a bocca aperta.

7. Rinforzare il pranzo di Natale con… l’insalata!

insalata rinforzata

Naturalmente non esiste secondo senza contorno. Sulla tavola di Natale possiamo portare una bella insalata di rinforzo napoletana. Alcuni la definiscono semplicemente un’insalata di cavolfiori, ma in realtà è molto di più: è infatti “rinforzata”, come dice il nome, con acciughe, peperoni, olive e chi più ne ha più ne metta. Perché l’insalata di rinforzo dia il massimo, è preferibile prepararla il giorno prima; se a qualcuna non piacessero acciughe e capperi, si possono eliminare, tenendo conto però che il particolare gusto dell’insalata di rinforzo ne risulterà modificato e meno caratteristico. Ecco dunque la ricetta della nostra insalata di rinforzo napoletana.

8. Il dolce trionfo del pranzo di Natale: il pandoro!

pandoro crema mascarpone

Generalmente, arrivate ai secondi, non vediamo l’ora che si palesi il carrello dei dolci per mettere fine all’abbuffata pantagruelica che da sempre contraddistingue il pranzo di Natale. In realtà, in questo caso, avendo optato per ricette facili, veloci e in molti casi leggere, dovremmo sentirci meno appesantite del solito.

In ogni caso a Natale non possono mancare dolci in quantità, a partire dal pandoro con la crema al mascarpone, una golosità che non lascia mai nessuno indifferente. Qui trovate la ricetta della crema al mascarpone. Per rendere più particolare un dolce così tradizionale, tagliamolo a fette orizzontali di due o tre centimetri, spalmiamo un bello strato di crema su ciascuna fetta (senza essere avare!) e cospargiamo di gocce di cioccolato.Facciamolo per tutte le fette e poi ricomponiamo il nostro pandoro posizionando le fette in modo “sfalsato” l’una rispetto all’altra per ricordare la forma dell’albero di Natale!

9. A Natale arriva la stella… al cioccolato!

Fonte: web

Queste stelle al cioccolato bianco sono perfette da servire con il caffè e/o con gli amari, e inserite in sacchettini carini possono anche diventare un dolce ricordo da portare a casa per i nostri ospiti. Anche la ricetta delle stelle di natale al cioccolato bianco è davvero rapida e semplice. Non abbiamo particolari variazioni da suggerirvi, se non per quanto riguarda la farcitura e la guarnizione: in luogo del cioccolato bianco, se siamo amanti dei sapori strong possiamo usare per il ripieno del cioccolato fondente, per lasciare invece quello bianco alla guarnizione e ottenere così delle stelle ai tre cioccolati. Se decidiamo invece di mantenere la versione originale, possiamo sbizzarrirci nella guarnitura: panna montata, gocciole argentate o di cioccolato, disegnini con la glassa a tema natalizio e così via. I bambini impazziranno!

10. Accontentiamo i più piccoli con i marshmallow!

marshmallow di natale

Per quanto il nostro pranzo di Natale sia stato a base di idee rapide e semplici, è probabile che a questo punto del pasto i più piccoli siano stanchi e annoiati. Lasciamoli dunque andare a giocare con i loro regali nuovi di zecca, ma non prima di aver consegnato a ciascuno di loro uno specialissimo dolcetto natalizio! La ricetta dei marshmallow è facilissima, ma non per questo il risultato finale sarà meno d’impatto, che trasforma i marshmallow, a seconda dei punti di vista, in lecca lecca con il bastoncino di zucchero oppure in mini tortine sormontate da una simil candelina!