diredonna network
logo
Stai leggendo: 10 motivi per cui non dovreste buttare l’acqua della pasta

10 motivi per cui non dovreste buttare l'acqua della pasta

Lo sapevate che l'acqua di cottura della pasta e del riso è un bene prezioso? Ecco 10 modi per riutilizzarla al meglio.

I benefici dell’acqua sono largamente conosciuti: attraverso le sue proprietà idratanti ci aiuta a eliminare i liquidi in eccesso oltre che ovviamente regolare la nostra digestione. Quello che però in pochi sanno è che anche l’acqua di cottura della pasta (e del riso) è un bene importante che non dovrebbe essere sprecato: con un po’ di ingegno e fantasia, si può essere in grado di riutilizzarla in tanti modi alternativi e non solo inerenti alla cucina.

Ecco quindi 10 buoni motivi per riutilizzare la preziosa acqua di cottura. Pronte a scoprirli tutti?

Diluisce i condimenti asciutti

Fonte: Adobe Stock

L’acqua di cottura della pasta può essere utilizzata per diluire salse o sughi troppo asciutti, in questo modo si amalgameranno meglio al piatto. I primi a utilizzarla in questo modo in cucina sono proprio gli chef (e se avete visto almeno una volta nella vita qualche programma di cucina non potrete che essere d’accordo).

Pane e pizza un po’ d’ingegno

Fonte: Pinterest

L’acqua di cottura può essere utilizzata non solo per insaporire le salse ma anche per creare pane e pizze fatte in casa: essendo già salata è l’ingrediente ideale per realizzare questi piatti.

L’ingrediente perfetto per il brodo

Fonte: gustoblog.it

Sempre grazie al sale già presente al suo interno, può diventare anche una buona base per il brodo. Ma non solo: l’acqua di cottura è perfetta anche come ingrediente principale di zuppe, minestre o per la cottura a vapore.

Ammorbidisce i legumi

Fonte: Web

Lo sapevate che l’acqua di cottura della pasta ammorbidisce anche i legumi secchi? È infatti perfetta per cucinare fagioli, ceci e piselli.

Uno sgrassatore ecosostenibile

Fonte: aboutcleaningproducts.com

Un vecchio rimedio per lavare i piatti è proprio l’acqua di cottura. Ma come fare? Basterà mettere in una bacinella sia l’acqua, sia al detergente. In questo modo non solo sprecherete meno acqua ma sfrutterete anche il suo potere sgrassante.

Anche in giardino

Fonte: Web

Una volta raffreddata, è possibile utilizzare l’acqua di cottura anche in giardino (ovviamente solo se senza sale): grazie ai sali minerali al suo interno potrà far rinascere il vostro orto e le vostre piante.

Un diserbante naturale

Fonte: Web

Niente diserbanti chimici, la nuova frontiera green è proprio l’acqua di cottura: usata calda e salata può essere un buon rimedio contro le erbacce.

Perfetta per la cura dei capelli

Fonte: Web

Sempre grazie ai sali minerali al suo interno, l’acqua di cottura (soprattutto quello del riso) è ideale anche per la cura dei capelli: basterà creare un impacco con questa particolare acqua e tenerlo in posa per circa 15 minuti. Una volta tolto, sentirete la vostra chioma molto più morbida.

Pediluvio naturale

Fonte: Web

È possibile utilizzare questa acqua anche per un pediluvio: per farlo aggiungete un olio profumato e lasciate in ammollo i vostri piedi per qualche minuto.

Lavoretti per i bambini

Fonte: taste.com.au

Se avete dei bambini a casa, provate a utilizzare l’acqua di cottura anche per i loro lavoretti: grazie alla sua composizione, è l’ingrediente perfetto per realizzare la pasta di sale.