diredonna network
logo
Stai leggendo: Bombe caloriche travestite da cibi sani

Bombe caloriche travestite da cibi sani

Esistono dei cibi che sotto le false spoglie di cibi sani, nascondono un alto numero di calorie.Alcuni accorgimenti per non cadere nella trappola, in particolare al ristorante.

 

Che le bibite gassate, i fritti, i dolci etc. siano ipercalorici si sa; che non facciano bene all’organismo, alla salute oltre che alla linea è risaputo. Ma esistono anche quei cibi che travestiti da “cibo sano” nascondono in realtà un animo da bombe caloriche e sono un pericolo soprattutto per chi ha deciso di seguire una dieta per smaltire qualche chilo di troppo.

L’INSALATA di POLLO: considerata tra i cibi per chi vuol perdere peso, in realtà spesso viene accompagnata oltre che da petto di pollo impanato, anche da cipolle e pancetta fritta. Quindi bisogna fare attenzione ad ogni ingrediente e soprattutto al metodo di cottura del pollo. 

LA CIPOLLA: la convinzione che la cipolla non faccia ingrassare perchè ortaggio, è errata. In realtà una cipolla contiene più di 100 calorie, senza contare che se mangiata con la salsa, o fritta, il pericolo aumenta, aumentando di dieci volte il numero di calorie.


FRULLATI: i frullati composti da yogourt e frutta sono buonissimi e sono costituiti da due ingredienti che vengono utilizzati spesso nelle diete. Ma quando i frullati sono preparati con gelato e latte, abbiamo un invasione di zuccheri. Prepararli in casa con yogourt naturale e frutta fresca.
CIBI a BASE di MELANZANE: Le melanzane sono pericolose se abbinate al pollo, al formaggio, al parmigiano … arrivando anche a quasi 1000 calorie. 


LA PIZZA: i trucchi per non rinunciare alla pizza sono mangiarla con la crosta sottile ed evitare il mix di condimenti, specialmente i salumi abbinati a mozzarella e formaggi.

GAMBERETTI alla GRIGLIA:evitare assolutamente di associarli alle salse, perchè questi piccoli crostacei non sono affatto ipercalorici.
CIBO CINESE: in realtà la cucina cinese di per se non è ricca di calorie, il problema sta nella cottura della carne presente nei piatti. Spesso vengono infatti cucinate in quantità molto abbondanti di olio e il rischio di assumere grassi in eccesso è alto.