diredonna network
logo
Stai leggendo: Ecco i 17 Cibi Più Pericolosi che Sarebbe Meglio Evitare!

Starbucks: arrivano due nuovi Frappuccini. Quale scegli?

Pane di segale

Spaghetti di riso

Patatas bravas

Totani in umido

Crocchette di pollo

Perché non dovresti MAI ordinare bibite con ghiaccio

Pizzette di melanzane

Pita gyros

Uovo in camicia

Ecco i 17 Cibi Più Pericolosi che Sarebbe Meglio Evitare!

Foglie, bacche, pesci e... Cervelli! In giro per il mondo ci sono diversi cibi che sarebbe meglio evitare per preservare il nostro stato di salute: pericolosi per l'uomo tanto da portare in alcuni casi alla morte. Certi sono più noti, altri decisamente insospettabili...
Fonte: Web
Fonte: Web

Se siete in viaggio sareste molto tentate dal voler assaggiare specialità locali: ma prestate sempre attenzione perché ci sono cibi altamente pericolosi per l’uomo che sarebbe meglio evitare di mangiare.

Magari perché non trattati, cucinati male o ingeriti crudi, ecco 17 cibi famosi per essere pericolosi e non salutari, con conseguenze lievi, malattie croniche o anche la morte! Ecco quai sono.

1. Pesce palla (Fugu)

Fonte: Foto di Yoshikazu Tsuno, AFP/Getty Images
Fonte: Foto di Yoshikazu Tsuno, AFP/Getty Images

Sebbene il pesce palla sia giornalmente consumato crudo sotto forma di sashimi, fritto, bollito e con il miso, è uno dei pesci più letali in circolazione. Gli organi interni e il fegato contengono tetradotossina, un veleno che se il pesce non viene maneggiato e trattato adeguatamente in cucina, può contaminare gli altri tessuti. Se si ingerisce, vengono danneggiati i nervi, per arrivare alla paralisi e poi la morte. Tra il 1996 e il 2006 sono morte 44 persone e più recentemente, diverse persone hanno perso la vita dopo aver chiesto specificatamente del fegato, come l’attore Mitsugoro Bando.

2.Anacardi crudi

Fonte: farmersalmanac.com
Fonte: farmersalmanac.com

Sebbene a noi sembrino crudi (o ci vengono venduti come tali), gli anacardi in commercio sono stati esposti a fonti di calore, ad esempio cotti al vapore oppure tostati. Questo è un processo essenziale dato che il frutto preso direttamente dalla pianta contiene l’urusholo, un composto chimico che si trova anche nell’edera velenosa. L’anacardo crudo porta principalmente a dermatiti e shock anafilattico.

3. Cervello di scimmia

Fonte: Yelp
Fonte: Yelp

Il cervello di scimmia in Asia è considerato una prelibatezza, cucinato al forno, in brodo o mangiato anche crudo… In Occidente, un po’ meno amato (e soprattutto reperibile!). È pericoloso perché può causare il morbo di Creutzfeldt-Jakob, una rara malattia neurodegerativa che porta alla demenza progressiva fino alla morte.

4. Ackee

Fonte: Web
Fonte: Web

I frutti più carini, sono sempre i più pericolosi! Questo frutto dalla buccia rossa e i semi lucidi neri si chiama Ackee e si trova principalmente in Jamaica: è molto dolce e vitaminico, ma va consumato totalmente sbucciato e senza semi. I semi neri infatti solo la parte più tossica e portano all’avvelenamento, tanto che clinicamente è stato coniato il termine di “Malattia del vomito Giamaicano”.

5. Casu marzu

Fonte: dolusozluk.com
Fonte: dolusozluk.com

Non bisogna andare dall’altra parte del mondo per trovare cibi pericolosi: questo formaggio chiamato Casu marzu è una specialità della Sardegna. Lasciando la forma di pecorino scoperta, si da la possibilità alla mosca casearia di annidarsi e riporre le uova al suo interno, causando la fermentazione del formaggio. Ovviamente la pericolosità di questo “formaggio marcio” sta nelle larve che potrebbero forare le pareti intestinali causando gravi problemi di stomaco. Anche se pericoloso però, è molto amato e consumato giornalmente.

6. Fesikh

Fonte: egyptianstreets.com
Fonte: egyptianstreets.com

Questo pesce chiamato Fesikh è principalmente consumato durante il festival di primavera di Shem el-Nessim in Egitto: questo cefalo per tradizione si fa essiccare al sole e si fa fermentare sotto sale per un anno intero, ma non sempre questo procedimento viene fatto nel modo corretto. Ogni anno durante l’evento sono tantissime le persone che corrono in ospedale a causa di intossicazione alimentare e ben 4 persone sono morte tra il 2009 e il 2010.

7. Sannakji

Fonte: farsicknessblog.com
Fonte: farsicknessblog.com

La particolarità di questo polpo molto diffuso in Corea è che… Si mangia quando è ancora vivo! Il Sannakji va masticato per bene perché la sua pericolosità risiede nei tentacoli con ventose che potrebbero attaccarsi a gli organi interni. Circa sei persone all’anno muoiono mangiando questo polpo vivo (anche strozzandosi), quindi se volete essere temerari, ricordatevi di masticarlo per bene prima di ingerirlo.

8. Rana toro

Fonte: Web
Fonte: Web

Mentre da noi si mangiano solo le cosce, la Rana Toro viene mangiata per interno in Africa, in particolare in Namibia, ma contiene un’alta varietà di sostanze velenose per l’uomo. Le rane toro più giovani, che ancora non hanno iniziato ad accoppiarsi, sono le più letali e possono causare problemi ai reni e al fegato.

9. Hakarl

Fonte: www.theculturemap.com
Fonte: www.theculturemap.com

L’Hakarl è un piatto tipico islandese e si tratta di carne di squalo essiccata per sei mesi, in modo da farla fermentare. Gli squali non hanno i reni e non possono urinare, tutti i fluidi di scarto filtrano attraverso i tessuti: quindi la carne è intrisa di sostanze tossiche come ammoniaca e trimetilammina, che anche dopo mesi, conferisce a questa carne un odore pungente e può portare ad intossicazioni alimentari. Oltre ad essere molto “puzzolente”, a quanto pare non è nemmeno così buona tanto da valere la vita di uno squalo e un procedimento di preparazione così lungo.

10. Assenzio

Fonte: Web
Fonte: Web

La pericolosità dell’assenzio è molto nota, tanto che il famoso distillato che se ne ricava, è stato illegale in Italia fino al 1992. L’assenzio ha proprietà allucinogene ed è stato indicato anche come causa di epilessia, tubercolosi, comportamenti violenti e, in passato, anche ad azioni suicide. Inoltre la pianta contiene il tujone, un terpene presente nel liquore sotto forma di olio essenziale, che pare abbia effetti devastanti sul sistema nervoso. Ma il dibattito sulle proprietà e la pericolosità dell’assenzio non è ancora stato concluso e va avanti da quando era in voga tra i più famosi bohémien.

11. Blood clams

Fonte: Web
Fonte: Web

Chiamate “Blood Clams”, queste vongole non sono pericolose per il liquido rossastro che sembra sangue (e non lo è), ma piuttosto per il modo in cui vengono cucinate. In Cina vengono scottate e mangiate praticamente crude, saltando il passaggio di neutralizzazione di batteri e virus: ci si espone così a diversi tipi di epatite, tifo e dissenteria e si è calcolato che il 15% di chi le consuma  neviene affetto. Nel 1988 Shanghai venne duramente colpita da questi virus e batteri, con oltre 300 mila persone infette e 31 morti: non sembra però che questo ne abbia fermato il consumo!

12. Manioca

Fonte: Web
Fonte: Web

Simile ad una patata, la radice di Manioca (o Cassava) è coltivata e consumata principalmente in Sud America. Contiene un’altissima concentrazione di linamarina che nel corpo si trasforma in glicoside ciano-genico (veleno mortale), ma solo se mangiata cruda! Nel 2005 nelle Filippine, sono morti 27 bambini che avevano ingerito la manioca cruda come snack. Anche se uno dei cibi più pericolosi da cruda è molto diffusa bollita, fritta, grigliata, arrosto e, se essiccata e tritata da origine alla Tapioca, conosciuta in tutto il mondo.

13. Pangio

Fonte: Web
Fonte: Web

Il frutto del pangio, reperibile nel Sud Est Asiatico, è conosciuto anche come “il frutto che nausea” ed è velenoso per l’uomo perché contiene acido cianidrico. Tuttavia si può mangiare ma solo dopo averlo sgusciato e bollito e conservato in acqua, oppure bollito e abbrustolito in foglie di banano e cenere per un mese. Deve essere davvero buono se impiegano anche un mese per cucinarlo!

14.Foglie di rabarbaro

Fonte: Web
Fonte: Web

Il rabarbaro è molto famoso per le sue coste rosse e comunemente usate i cucina: ma è meglio stare alla larga dalle sue foglie! Simili a spinaci, le foglie contengono un’alta quantità di acido ossalico che porta alla formazione di cristalli tossici nei reni, che possono portare anche alla morte se ingerite in grandi quantità. Tra i sintomi dell’intossicazione troviamo problemi respiratori, diarrea, nausea, dolore a gli occhi, bruciore alla gola e bocca e anche urina di colore rosso.

15.Carambola

Fonte: Web
Fonte: Web

Sebbene la carambola, o “frutto stella”, abbia una polpa dolce che ricorda la mela ed ha molte proprietà benefiche, se soffrite di una qualche condizione ai reni, potrebbe essere molto pericolosa. La carambola infatti contiene delle neurotossiche che, se non filtrate dai reni, possono andare a colpire i nervi e il cervello e portare anche alla morte.

16. Medusa di Nomura

Fonte: Web
Fonte: Web

La Medusa di Nomura, o Ehizen Kurage, è cucinata principalmente in Giappone e può essere molto tossica. Questo tipo di medusa gigantesca si nutre di tonno e i pescatori giapponesi se le ritrovano spesso nelle reti: avvelenando tutto il pescato, hanno imparato a cucinarle eliminando la parte tossica. Tuttavia non è di grande qualità, quindi non ha molto senso rischiare.

17. Bacche di sambuco

Fonte: insegnareilverde
Fonte: insegnareilverde

Senza buccia e propriamente cucinate, le bacche di sambuco hanno proprietà antibiotiche. Ma è meglio non mangiare le bacche crude o poco cotte, le foglie o i ramoscelli perché portano alla diarrea e convulsioni.