diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 Falsi Miti Sui Prodotti Light Sfatati Uno Ad Uno

Mosaic sushi: su Instagram il nuovo trend direttamente dal Sol Levante

Cipolline in agrodolce

Arriva il "gelato all you can eat". Con 5 euro ne mangi quanto vuoi

Rame di Napoli

Baci di Alassio

Tenetevi forte: apre il primo Nutella Café del mondo!

Filetto alla Rossini

Oreo lancia il concorso social: mezzo milione a chi reinventa il biscotto cult

Speculoos

Carne alla Genovese

5 Falsi Miti Sui Prodotti Light Sfatati Uno Ad Uno

È capitato a tutte di cadere nell'inganno di comprare un cibo 'light' convinte di aver acquistato un alimento dietetico, salvo poi non vedere nessun progresso in termini di chili persi. Il motivo? Perchè non tutto ciò che è 'light' fa buttare giù i chili di troppo. Insomma light non è sinonimo di dietetico! Non ci credete? Leggete qui!
(Foto: web)
(Foto: web)

Cibi light o cibi non light? È questo il dilemma.

Quante volte prese dal raptus di una nuova sessione di dieta, passando tra gli scaffali dei supermercati, abbiamo optato per i cosiddetti prodotti light, convinte di dare una botta di vita alla nostra linea e di esonerare dai nostri piatti grassi, zuccheri, colesterolo e compagnia bella?

Ma ci siamo mai domandate, veramente, se i prodotti alimentari che il mercato ci propina come ‘light’ lo sono veramente?

Per essere ancora più espliciti: è sempre vero che il termine light può essere utilizzato come sinonimo di ‘dietetico‘? La risposta è no, o meglio non sempre!

Ecco perchè nonostante le chilate di formaggio light, le bibite gassate sugar free e tutti quei cibi le cui etichette promettevano guerra aperta al colesterolo, trangugiate durante i pasti, il girovita non accennava a smorzarsi un po’ e la pancetta non lasciava mai spazio all’addominale scolpito!

Adesso abbiamo scoperto l’arcano!

Ma allora la domanda sorge spontanea: se i cibi light non sono sempre light perchè chiamarli così, facendo passare il messaggio che sono efficaci nella lotta contro i chili di troppo?

Come prima cosa bisogna sapere che esistono delle normative europee che regolano il contenuto degli alimenti classificati sotto la voce ‘light’ che stabiliscono quali sono gli ingredienti che devono essere contenuti al loro interno. Ecco le regole principali:

  • devono contenere il 30% di valore energetico minore rispetto ai cibi tradizionali
  • abolizione dei grassi, sostituiti da miscele di proteine o carboidrati
  • utilizzo di dolcificanti sintetici come aspartame, saccarina o fruttosio al posto dello zucchero

Certo, ad un occhio inesperto, che non conosce le proprietà di tali sostanze alternative, può sembrare che i cibi light siano effettivamente dietetici.

E qui ci troviamo davanti ad un classico caso di specchietto per le allodole.

Ed ecco i motivi per i quali non bisogna abboccare all’amo comprando cibi che portano la dicitura ‘light’ credendo che possano aiutarci a buttare giù peso.

1. È Light… quindi ne mangio di più

Ecco il grande Inganno dei prodotti Light
(Foto: Web)

Quante volte abbiamo abbondato nelle porzioni solo perchè il cibo trangugiato era light?

Salvo poi scoprire che quella maledetta lancetta della bilancia faticava a scendere anche solo di una misera tacca!

I motivi del mancato dimagrimento sono essenzialmente due: da un lato i cibi leggeri lo sono solo nel nome ma non nella sostanza, perchè spesso hanno un apporto calorico simile al corrispondente alimento tradizionale.

Dall’altro perchè avendo un potere saziante minore non sono assolutamente in grado di mettere a tacere i morsi della fame, portandoci a mangiare come se non ci fosse un domani, senza ritegno.

2. La favola dello sugar free che fa bene alla salute

(Foto: web)
(Foto: web)

Quando siamo a dieta il nostro radar setaccia ogni alimento esposto ai supermercati alla ricerca della dicitura ‘sugar free’ perchè il collegamento è: gli zuccheri fanno male ergo gli alimenti senza zuccheri fanno bene alla salute!

Magari fosse vero! Care mie sognatrici, purtroppo la verità è un’altra, ed è molto più amara di quel che sembra (giusto per restare in tema). Non vi siete mai chieste come mai i cibi sugar free riescano comunque ad avere un gusto così dolce?

Tutto merito degli edulcoranti come la saccarina e l’aspartame che, se assunti in grandi quantità, sono anche causa di infiammazioni del tratto gastro-intestinale, gonfiore e dissenteria.

Alla faccia della salute!

3. La favola dello sugar free che fa dimagrire

(Foto: web)
(Foto: web)

Ok, un pochino ce l’abbiamo a morte con la dicitura sugar free. Ma d’altro canto come fare diversamente?

Con quella sua promessa implicita di essere senza zucchero ci fa credere che faccia anche dimagrire!

E invece, anche questa volta non è per niente vero ed è tutta colpa dei dolcificanti che sostituiscono lo zucchero! Maledetti! Perchè? È presto detto!

I dolcificanti non hanno la stessa funzione anoressizzante, ossia che riduce l’appetito, dello zucchero.

Il che, tradotto in ‘dietese’ significa che non faranno passare la fame, anzi, portandoci ad ingurgitare maggiori quantità di cibo!

4. La favola delle bevande gassate light

(Foto: web)
(Foto: web)

Arrivate a questo punto dell’articolo dovrebbe essere ormai chiaro che ‘light’ non è affatto sinonimo di dietetico.

Ma per le menti più ostinate proseguiamo nei meandri della psicologia alimentare e sfatiamo un altro mito: quello delle bevande light.

Certo, queste non fanno ingrassare in modo diretto, in base alla quantità assunta, ma lo fanno in maniera più subdola.

Avendo al loro interno una grande quantità di gas tendono a gonfiare lo stomaco e, si sà, uno stomaco più grande ha bisogno di più cibo per riempirsi e farci sentire sazie.

Risultato? I chili anzichè diminuire, aumentano!

5. La favola delle bevande analcoliche che sono più leggere di quelle alcoliche

(Foto: web)
(Foto: web)

Quante volte, ad un apertivo, vi è capitato di sentire una vostra amica dire che lei l‘alcol lo ha eliminato dalla dieta, prefererendogli le bevande analcoliche perchè no fanno ingrassare?

Bene, la prossima volta che vi capita di sentirle dire una frase del genere apritele le gli occhi!

I cocktail analcolici alla frutta, spesso, hanno ben poco di frutta, come la intendiamo noi, quella vera!

Nella maggior parte dei casi sono il frutto (scusate il gioco di parole) di un mix di sciroppi, coloranti e zuccheri! Insomma un disastro per la linea!

Meglio quindi optare per un bicchiere di vino risso o bianco (attenzione, ho detto uno!), molto meno calorici e ricchi di polifenoli, che sono degli antiossidanti davvero potenti, oppure, se state promuovendo una crociata contro l’alcol buttatevi su concentrati di pomodoro o delle spremute fresche…che siano però senza zuccheri!