diredonna network
logo
Stai leggendo: Galateo a tavola: tutti i segreti per apparecchiare e comportarvi alla perfezione!

Guarda che ti mostro come fare il latte... di unicorno

Spaghetti Donuts: la ricetta della nuova tendenza virale

Torta Arlecchino

Timballo di pasta

Frittata di spinaci

Crostata di pesche

Crostata senza burro

Cotoletta alla palermitana

Pizza parigina

Ecco di cosa sa l'Unicorn Frappuccino di Starbucks

Galateo a tavola: tutti i segreti per apparecchiare e comportarvi alla perfezione!

Volete diventare le perfette padrone di casa e avere il modo di fare di una vera principessa? Niente paura, vi aiutiamo noi a fare luce sulle numerose (e spesso complicate) regole del galateo a tavola. Non solo indicazioni su come collocare posate e bicchieri nell'ordine giusto, ma anche alcune regole d'oro di comportamento per mostrare buone maniere e modi raffinati anche nelle occasioni più formali. Pronte a imparare tutti i segreti del bon ton in cucina?
Galateo a tavola

Siete delle perfette padrone di casa o aspiranti tali? Se come noi fate ancora un po’ di confusione nell’apparecchiare la tavola, soprattutto quando si tratta di un’occasione formale, niente paura. Abbiamo deciso, infatti, di rispolverare le regole fondamentali del galateo a tavola per aiutarvi nell’impresa e togliere ogni dubbio a riguardo. Vediamo insieme qual è la corretta collocazione di piatti, posate e bicchieri, e poi quali sono le regole di comportamento per mostrare sempre un’educazione e un portamento da vera principessa!

1. Galateo a tavola: come apparecchiare!

Apparecchiare tavola secondo il galateo

La prima cosa da non sottovalutare quando invitate ospiti per un pranzo o una cena, secondo le regole del galateo a tavola, è che il tavolo sia della giusta dimensione: grande abbastanza da permettere a ogni commensale di avere il proprio spazio, ma neanche tale da lasciare troppa distanza tra gli invitati rendendo poco agevole la conversazione. Non ci sono regole particolari per quanto riguarda la scelta della tovaglia, posto che il colore bianco e i tessuti più pregiati sono sicuramente i più sobri ed eleganti.

2. Come sistemare i piatti secondo le regole del galateo

Galateo a tavola: i piatti

I piatti potranno essere posati su sottopiatti, oppure direttamente sulla tovaglia, e andranno disposti a uguale distanza l’uno dall’altro. Il piatto per l’antipasto potrà essere sistemato già sul piatto piano. Un accorgimento importante: i piatti per le pietanze calde vanno sempre serviti tiepidi. La fondina (il piatto fondo) andrà portato in tavola solo al momento della consumazione del primo. In teoria, la fondina è il piatto da utilizzare per la minestra, mentre, per la pasta si dovrebbe usare il piatto piano.

3. Posate: ecco la regola da imparare e non dimenticare più!

Galateo a tavola: le posate

Passiamo a scoprire qual è la giusta collocazione delle posate a tavola secondo il galateo.  La semplice regola da memorizzare è questa: le posate devono essere poste ai lati del piatto, a destra i coltelli con la lama rivolta verso l’interno e, per ultimo all’esterno, il cucchiaio. A sinistra devono essere posizionate le forchette in ordine di utilizzo, dall’esterno verso l’interno.

Bisogna prevedere una forchetta per ogni portata. Se l’antipasto è di pesce, servirà l’apposita forchettina nella prima posizione a sinistra, mentre, la palettina da pesce andrà posizionata all’esterno del coltello. Se il menù prevede una zuppa dovrete aggiungere il cucchiaio da minestra.

Infine, le posate da dessert si dispongono orizzontalmente davanti al piatto, la forchetta con il manico volto verso sinistra e il cucchiaio verso destra. Tra i due può essere inserito anche il coltello da frutta nello stesso senso del cucchiaino.Una curiosità: una volta le posate venivano poste con i rebbi delle forchette e l’incavo del cucchiaio all’ingiù per mostrare le cifre o lo stemma inciso su di esse.

4. Bicchieri: la disposizione e il numero perfetto

Galateo a tavola: i bicchieri

Quali e quanti bicchieri posizionare sulla nostra tavola secondo il galateo? Uno grande per l’acqua e due per il vino, medio per il rosso e piccolo per il bianco. I bicchieri devono essere disposti obliquamente, partendo da destra, davanti al commensale in ordine crescente di grandezza.

Potete prendere come punto di riferimento il bicchiere dell’acqua che deve essere sempre  in direzione della punta del coltello. Se si servono più vini il numero dei bicchieri aumenta, ma vanno sempre posti a destra di quello per l’acqua e non possono essere più di cinque, inclusi acqua e champagne.

5. Dulcis in fundo, dove e come sistemare il tovagliolo

Galateo a tavola: i tovaglioli

Il tovagliolo andrà posizionato alla sinistra del piatto e dovrà essere piegato nel modo più semplice, a triangolo o a libro aperto, verso l’esterno in modo che venga messo in evidenza l’eventuale disegno, ricamo, o altra decorazione.

6. Cos’altro non deve mancare sulla tavola secondo il galateo

Galateo a tavola: cosa non deve mancare

Cosa non deve mai mancare sulla tavola secondo le regole del galateo? In pranzi molto formali è d’obbligo il piattino del pane, posizionato in alto a sinistra, meglio se coperto con un tovagliolino. Il pane deve essere portato a tavola in appositi cestini, mai appoggiato direttamente sulla tovaglia.

Non possono poi mancare sale e pepe. Sarà sufficiente una sola saliera e un solo macinapepe nelle occasioni informali, mentre nelle occasioni importanti è d’obbligo una piccola saliera e un portapepe ogni due piatti. Infine, una composizione floreale come centrotavola è sempre presente nelle tavole più chic ed eleganti.

7. Come comportarsi a tavola: le regole d’oro del galateo

Galateo a tavola: regole di comportamento

Ovviamente le regole di comportamento a tavola secondo galateo sono infinite. Alcune sono abbastanza banali e scontate ma una “rispolverata” non nuoce, soprattutto in questi tempi in cui le buone maniere sembrano essere passate di moda. Vediamo insieme le regole fondamentali:

  • Buon appetito? Non si dice! L’inizio del pasto deve avvenire in silenzio. Prima di iniziare a mangiare è obbligatorio attendere che tutti gli ospiti siano serviti e che i padroni di casa inizino il proprio pasto.
  • Attenzione alla postura: schiena dritta e mai appoggiare i gomiti sul tavolo. Le braccia devono stare lungo i fianchi e solo le mani sulla tovaglia.
  • Chiedere il sale non è educato. La richiesta, infatti, presuppone che il piatto che si sta consumando non sia gradito.
  • Non si usa il coltello con uova e formaggio morbido. Questi cibi devono essere tagliati con la forchetta. Anche il pane non va mai tagliato a tavola con il coltello, bensì spezzato con le mani.
  • Come sistemare le posate? Esistono regole precise per “comunicare” con le posate. Per descrivere (e memorizzare) queste regole si utilizza “l’orologio nel piatto”. Durante le “pause” le posate vanno appoggiate sul piatto a ore 20:20 con i lembi rivolti verso il basso; per indicare che si è pronti a ricevere la portata successiva le posate andranno posizionate a “x”; le 18:30 segnaleranno, invece, la fine del vostro pasto. Attenzione a lasciare le posate incrociate, a meno che non vogliate mostrare il vostro disappunto per il cibo servito!
  • Il tovagliolo va tenuto sulle ginocchia e deve essere utilizzato, oltreché quando se ne avverte il bisogno, tutte le volte che si decide di bere un sorso di acqua o di vino.
  • Smartphone assolutamente vietato. Il prezioso e tanto amato telefonino non deve mai “apparire” durante un pranzo o una cena, tantomeno essere appoggiato sulla tavola!