diredonna network
logo
Stai leggendo: Menù per San Valentino: Ecco cosa Non Cucinare

Il modo in cui cuociamo il riso ci espone all'arsenico. Ecco come dovremmo fare

Guerra al Prosecco: "Smettete di berlo, rovina il sorriso"

Maiale in agrodolce

Sponge cake

Pasta risottata

Tutte pazze per le caramelle gommose di Hello Kitty

Insalata nizzarda

Funghi ripieni

Torta rovesciata all'ananas

Verdure al forno

Menù per San Valentino: Ecco cosa Non Cucinare

Passiamo ore a preparare, programmare e sognare la nostra romantica sera di S. Valentino e speriamo che sia tutto perfetto. Noi vi sveliamo i consigli per non rovinare una magica serata.
Fonte: Web
Fonte: Web

Quando si ama, puntiamo sempre al far passare una perfetta serata al nostro lui o alla nostra lei. Ok, le candele rosse, ci stanno. Le rose rosse pure; sempre se non troviamo qualcuno allergico ai fiori, nel qual caso (anche se non è molto romantico) i fiori finti (o secchi) ci stanno. Ma per cortesia, attenzione a ciò che cucinate perchè può costarvi molto più della singola serata…

Prima di tutto informatevi bene su cosa piace o non piace al vostro partner e cosa, assolutamente, non può mangiare. Non vorrete finire la serata in pronto soccorso per qualche allergia di cui non eravate a conoscenza, vero?

Detto questo, iniziamo col dire che meno pesante è la cena e meglio è. Ma ecco i nostri suggerimenti.

1. Antipasto

Fonte: Web
Fonte: Web

Come antipasto evitiamo di prepariamo qualcosa difficile da digerire, ma puntiamo soprattutto a fare tanti piccoli stuzzichini, così se magari non siamo sicure dei gusti del nostro partner, non lo metteremo in difficoltà cucinandogli solo quello. Gli stuzzichini di pasta sfoglia ad esempio, sono sempre graditi. Perché non prepararli ad esempio a forma di cuore? Liberate la fantasia, senza esagerare. Non siete a Masterchef!

2. Primo

Fonte: Web
Fonte: Web

Il primo piatto è già più complicato da gestire. È quello che di solito sazia di più, perciò evitiamo di preparare un piattone di pasta. Puntiamo su qualcosa di semplice e non articolato. Il nostro suggerimento è un risottino… magari al vino rosso? Quel tanto che basta da “colorare” il riso. Qualcosa di leggero, in modo da lasciar spazio per il secondo piatto.

3. Secondo

Cappone ripieno di Natale

Il secondo piatto è quello che forse dovrebbe apprezzare maggiormente il nostro ospite, ma evitiamo di complicarci la vita. Non presentiamoci con qualcosa di difficile da mangiare, perciò se non siamo sicuri che il nostro lui non sappia pulire i gamberetti, non cuciniamoli affatto. Puntiamo piuttosto su dei gamberetti già sgusciati in salsa cocktail. Non si può sbagliare. E sarà di certo più romantico imboccare la nostra dolce metà con qualcosa di semplice senza sporcarci le mani.

4. Dolce

Menù per San Valentino: Ecco cosa Non Cucinare
Fonte: Web

Qui non possiamo sbagliare. Evitiamo qualche cosa di troppo pesante. Ma se abbiamo il dubbio che saremo già sazi alla fine della cena, meglio cucinare una mono porzione (preparando anche un bis nel caso). Ovviamente il cioccolato è l’ingrediente per eccellenza, ma se vogliamo puntare ad impressionare il nostro ospite su questo piatto, urge che chiediate qual è il suo cioccolato preferito. Al latte? Fondente? Agli agrumi? Al peperoncino? Corretto con liquore? Una volta saputo questo, potete semplicemente cucinare ciò che più vi aggrada con il cioccolato consigliatovi.

Infine, accompagnate il tutto con un po’ di vino rosso, un po’ di musica  in sottofondo e candele (meglio se non profumate) e rendete il tutto romantico con qualcosa di rosso, per quanto riguarda vettovaglie e anche abito o intimo.