diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 Regole Per Avvicinarsi Alla Cucina Vegana Con Lo Spirito Giusto

Crostata di pesche

Crostata senza burro

Cotoletta alla palermitana

Pizza parigina

Ecco di cosa sa l'Unicorn Frappuccino di Starbucks

Arrosticini

Guarda che ti mostro come fare il latte... di unicorno

Patate alla lionese

Harissa

Spaghetti Donuts: la ricetta della nuova tendenza virale

5 Regole Per Avvicinarsi Alla Cucina Vegana Con Lo Spirito Giusto

Ecco le 5 regole fondamentali per un'alimentazione vegana corretta. Perchè lo sapete che anche questo tipo di alimentazione è ricca di grassi?!
(foto: Tumblr)

La cucina vegetariana e anche vegana sta diventando sempre più apprezzata anche da noi Italiani.

La scienza parla di grandi benefici che si possono trarre dalla cucina vegana, sia per noi stessi che per l’ambiente.

Il rischio di una dieta vegan però è limitarsi a eliminare i prodotti animali, sostituendoli con quelli vegetali dimenticando gli apporti di proteine necessari per stare bene.

Sicuramente cucinare vegano e corretto non è semplice, più che altro non siamo stati educati a farlo e per questo motivo, anche online, si trovano diversi consigli per una cucina vegana e ad oggi esistono anche parecchi corsi di cucina indirizzati ad una maggior conoscenza di questo nuovo tipo di alimentazione che sta conquistando tutti.

Per questo, anche noi nel nostro piccolo, vogliamo regalarvi 6 semplici regole che vi permetteranno di evitare gli errori più comuni e vi faranno concentrare solo sul gusto e le esigenze che il vostro corpo richiede.

(Sarai in perfetta salute ma soprattutto, ricca di energia!!! Provare per credere)

1 – Scegli frutta e verdura libere da pesticidi

(foto: Tumblr)

Consumando molta frutta e verdura è necessario stare attenti a cosa si compra.

Eliminare carne per poi mangiare pesticidi chimici e fitofarmaci?! Non mi pare davvero il caso.

È molto importante scegliere con cura ciò che si mangia.

L’inquinamento sta davvero mettendo a rischio la nostra salute e purtroppo nemmeno ce ne accorgiamo. Sarebbe quindi meglio comprare frutta e verdura direttamente dai piccoli produttori, magari scegliendo un contadino di fiducia.

I prodotti più buoni non sono necessariamente anche i più belli, anzi, spesso hanno una forma irregolare.

Prodotti Kilometro 0 e di stagione vi faranno riscoprire certi gusti eccezionali e anche la salute ne gioverà, inutile ricordarlo.

2 – Studia più combinazioni alimentari possibili

(foto: Tumblr)

Le combinazioni alimentari sono un punto fondamentale nella preparazione delle ricette vegane equilibrate: il nostro stomaco non produce enzimi a comando certe categorie di cibo sono antitetiche l’una con l’altra e rendono difficile la digestione.

Piccole regole?!

  1. le verdure si possono associare con qualunque alimento;
  2. la frutta va consumata da sola e lontano dai pasti;
  3. carboidrati e proteine richiedono modalità e molto differenti di digestione e non vanno consumati nello stesso pasto.

3 – Elimina il sale e la frittura

(foto: Tumblr)

La cucina per essere davvero salutare deve eliminare il sale e soprattutto la frittura.

Evitare prodotti animali può far cadere nell’errore di cercare sapori forti e quindi salare troppo o friggere in eccesso.

Il sale e la frittura, a lungo andare, portano problemi su tutto l’apparato cardiocircolatorio e anche sul fegato, controbilanciando gli effetti positivi di una nutrizione a base vegetale.

Se proprio non riesci a resistere, per cercare un sapore diverso, scegli le erbe aromatiche.

Oltre a donare un quid in più alle tue pietanze, rimineralizzano il tuo organismo.

4 – Solo grassi vegetali

(foto: Tumblr)

Un’alimentazione vegana può essere ricca di grassi: semi, noci e avocado per esempio sono composti da più del 50% di grassi, e in molte ricette vegane vengono utilizzati a profusione.

Nonostante il colesterolo può essere tenuto sotto-controllo, è giusto ricordate che non tutti i grassi vegetali sono salutari: la margarina per esempio è comporta da grassi trans, molto pericolosi per la salute soprattutto se riscaldati.

L’olio di palma invece non è da considerarsi un prodotto vegano perchè per produrlo si pratica la deforestazione.

I grassi da scegliere sono quelli interi e naturali, cercando di non surriscaldarli.

5 – Riduci il consumo di soia e seitan

(foto: Tumblr)

Spesso passando ad una dieta vegana si cade nell’errore di usare prodotti sostitutivi vegetali, come soia e seitan.

Non sono prodotti negativi, sia chiaro, ma è meglio non abusarne: Il seitan è ricchissimo di glutine, proteina del grano non semplice da gestire per il nostro corpo.

È sempre preferibile utilizzare i legumi naturali e stagionali, con i quali possiamo preparare creme, salse e intingoli vari con il vantaggio di rimanere sani.

Perchè per una dieta vegana non è necessario rinunciare al gusto!!!

Se avete altri consigli scriveteci pure!