diredonna network
logo
Ricetta: Baccalà alla Vicentina

Croque Madame

Finocchi in padella

Fricandò

Salsa tartara

Muffin alle mele

Kimchi

Pettole

Bisque di gamberi

Torta di grano saraceno

Salsa olandese

Baccalà alla Vicentina

Dettagli ricetta

Preparazione

20 minuti

Difficoltà

Cottura

4 ore e 0 minuti

Costo

Dosi

per 6 persone

Stagioni

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Ingredienti

Baccalà alla Vicentina

Il baccalà alla vicentina è un piatto tipico a base di merluzzo essiccato.

L’uso di essiccare il merluzzo è un metodo di conservazione antichissimo.

Il merluzzo è un pesce fu introdotto in Veneto dagli stessi veneziani che erano grandi navigatori.

Per preparare questa ricetta, il merluzzo essiccato deve essere di ottima qualità.

Questa è una ricetta molto antica tramandata di generazione in generazione e, ancora oggi, viene preparato in diverse famiglie con qualche piccola variante.

La sua fortuna è data proprio dal fatto di essere un piatto molto semplice e dal sapore inconfondibile, dato dalla particolare cottura del baccalà.

Preparazione

  1. 1.

    Dopo l’ammollo di due giorni, prendete il baccalà ed eliminate la pelle e le lische. Tagliatelo a quadrotti cercando di mantenere la stessa grandezza. 

     

  2. 2.

    In un tegame far rosolare la cipolla nell’olio e aggiungete le alici, a cui avrete tolto le lische e ridotte in pezzettini. Spegnete il fuoco e aggiungete anche il prezzemolo tritato.

  3. 3.

    Infarinate i pezzi di pesce e disponeteli in un tegame sul cui fondo avrete messo un po’ di soffritto. Il resto lo verserete sopra.

  4. 4.

    Aggiungete il formaggio, il latte, il sale, il pepe e ancora dell’olio extravergine d’oliva fino a coprire bene tutti i pezzi.

  5. 5.

    Fatelo cuocere a fuoco bassissimo per  4 ore, muovendo il tegame di tanto in tanto senza mai toccarlo con nessun mestolo.

  6. 6.

    Spegnete il fuoco e servite.

Curiosità e consigli

  • La qualità migliore per preparare questa ricetta è detta "Ragno" e proviene dalla Norvegia.
  • Il baccalà necessita di due giorni di ammollo.
  • Il 1 marzo 1987 nasce la "Venerabile confraternita del baccalà alla vicentina", un'associazione nata con lo scopo di salvaguardare e promuovere il famoso piatto vicentino. 
  • Si accompagna perfettamente con la polenta. 
  • Da provare con i carciofi alla giudìa.