diredonna network
logo
Ricetta: Baccalà Mantecato

Baccalà Mantecato

Dettagli ricetta

Preparazione

30 minuti

Difficoltà

Cottura

30 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Ingredienti

Baccalà Mantecato

Il baccalà mantecato è una ricetta molto delicata e raffinata, tipica di Venezia.

Il pesce viene cotto e ridotto in crema con abbondante olio, aglio e prezzemolo.

Viene poi accompagnato da crostini di polenta, se servito come antipasto, o da un contorno di polenta, per realizzare un buonissimo secondo piatto.

Il baccalà mantecato è arrivato sulle nostre tavole ad opera di una tempesta furiosa del mare di Norvegia.

Se volete cambiare la ricetta e provarne una dal gusto altrettanto buono, provate ad aggiungere delle patate alla crema.

Baccalà mantecato con patate

Lessate le patate e nel frattempo preparate il baccalà mantecato come da ricetta originale.

Quando le patate sono cotte, sbucciatele e schiacciatele.

Fatele freddare e solo a questo punto incorporatele alla crema di baccalà.

Condite con un filo di olio extravergine d’oliva e servite.

Preparazione

  1. 1.

    Dividete a pezzi il baccalà e ponetelo in un tegame. Copritelo con acqua e con 150 ml. di latte. Regolate di sale e portatelo a ebollizione.

  2. 2.

    Cuocete il baccalà per circa 20 minuti. Se il pesce non è ancora cotto prolungare la cottura di 10 minuti.

  3. 3.

    Scolatelo e pulitelo, privandolo delle lische e della pelle, poi riducetelo a pezzettini e mettetelo in una ciotola. 

  4. 4.

    Con un cucchiaio di legno mescolate energicamente aggiungendo l’olio a filo fino ad ottenere una crema lucida e compatta simile a una maionese. 

  5. 5.

    Aggiungete sale e pepe e non preoccupatevi se qualche pezzettino rimarrà intero.

  6. 6.

    Dopo avere effettuato questo passaggio, aggiungete un trito di aglio e prezzemolo. Servitelo con la polenta accanto.

Curiosità e consigli

  • Il baccalà mantecato si prepara con lo stoccafisso, cioè un merluzzo artico di origine norvegese che viene conservato tramite essiccazione con aria fredda.
  • Il nome stoccafisso deriva infatti dal norvegese stokkfisk, che tradotto letteralmente significa pesce bastone.
  • Lo stoccafisso, che viene spesso venduto intero, necessita di un ammollo prolungato (almeno 24 ore) in acqua fredda e corrente prima di poter essere cotto e consumato. 
  • Consigliamo di consumare il baccalà mantecato alla veneziana appena pronto, ma se lo desiderate potete conservarlo in frigorifero per un giorno soltanto.