diredonna network
logo
Ricetta: Pasta alla Carrettiera

Cipolline in agrodolce

Filetto alla Rossini

Zucchine alla poverella

Rame di Napoli

Baci di Alassio

Speculoos

Carne alla Genovese

Topinambur al forno

Tagliatelle al forno

Cotton cake

Pasta alla Carrettiera

Pasta alla Carrettiera

Dettagli ricetta

Preparazione

45 minuti

Difficoltà

Cottura

21 minuti

Costo

Dosi

4 persone

Stagioni

Ingredienti

Pasta alla Carrettiera

La Pasta alla carrettiera è un piatto che affonda le sue radici nella Sicilia orientale degli anni ’20 dove imperava la figura professionale del carrettiere il cui compito era quello di trasportare pani di zolfo raffinato dalla miniera alla ferrovia.

Questi uomini solitamente partivano nel tardo pomeriggio e non avendo così tanto denaro da spendere in qualche osteria, si portavano dietro il necessario per prepararsi la cena durante le loro soste nel viaggio.

Nello specifico, serviva veramente poco: spaghetti, un pentolino, dell’aglio secco, sale, del pane secco, una grattuggia, del prezzemolo e una scodella.

La ricetta originale è quindi composta da questi semplici ingredienti che venivano amalgamati rigorosamente a crudo.

Mentre un fuoco era stato improvvisato sul momento e l’acqua veniva messa a bollire, il prezzemolo si tritava finemente e ci si aggiungeva l’aglio crudo e il pane secco grattuggiati, un po’ di sale e un goccio d’olio.

Una volta che la pasta era cotta la si aggiungeva agli altri ingredienti e con un po’ d’acqua di cottura veniva fatto amalgamare il tutto.

Nonostante la povertà di questo piatto, la pasta alla carrettiera divenne famosa per il suo gusto delicato, ma sorprendente.

Negli anni a venire, come spesso succede, questo tipo di preparazione è stata contaminata con l’aggiunta di altri componenti quali il pecorino al posto del pane o anche di pomodori pelati.

Non solo, questo piatto è stato ripreso anche dai romani che lo hanno reso un primo piatto molto più elaborato.

Difatti gli spaghetti alla Carrettiera romani prevedono l’aggiunta di funghi, del tonno e della pancetta.

Una vera bomba di sapore dai ricchi toni tipici della capitale!

Io, a scanso di equivoci, ho provato sia la ricetta siciliana che quella romana e nonostante la prima sia veramente eccezionale (da provare!), scelgo di proporvi passo per passo la ricetta più elaborata che risulta essere un po’ più difficile da preparare.

Preparazione

  1. 1.

    Ammollate i funghi in 1,2 dl di acqua tiepida per 15 minuti. Quindi, scolateli accuratamente senza buttare l’acqua.

  2. 2.

    Scaldate l’olio in una pentola capiente a fuoco medio e unite la pancetta, l’aglio e i peperoncini. Fate dorare l’aglio per 2-3 minuti.

  3. 3.

    Unite i funghi e i pomodori e fate ridurre il sugo per circa 10 minuti. 

  4. 4.

    Aggiungete un po’ di acqua di ammollo dei funghi e fatelo evaporare.

  5. 5.

    Unite ora il tonno e regolate il tutto di sale. 

  6. 6.

    Abbassate il fuoco e fate cuocere per 5 minuti.

  7. 7.

    Nel frattempo cuocete la pasta al dente in abbondante acqua salata. 

  8. 8.

    Una volta che la pasta è cotta, scolatela accuratamente e trasferitela nella padella col sugo. Se il sugo fosse troppo denso, aggiungete dell’altra acqua dei funghi.

  9. 9.

    Fate insaporire a fiamma vivace per 1 minuto e unite il pepe. 

  10. 10.

    Guarnite con il prezzemolo e servite caldo.

Curiosità e consigli

Questo primo piatto, grazie alla forte presenza di elementi di terra, ben si accompagna a un vino rosso, che potrebbe essere un Cabernet Sauvignon.

Se non siete in giornata di mangiare un primo piatto così sostanzioso e dal gusto consistente, vi consiglio un'alternativa molto più delicata come le tagliatelle con porro, zafferano e noci!