diredonna network
logo
Ricetta: Raviole Di San Giuseppe con Mostarda Bolognese

Rame di Napoli

Baci di Alassio

Speculoos

Topinambur al forno

Tagliatelle al forno

Cotton cake

Torta Arlecchino

Timballo di pasta

Tiramisù alla Nutella

Cipolline in agrodolce

Raviole Di San Giuseppe con Mostarda Bolognese

Dettagli ricetta

Preparazione

40 minuti

Difficoltà

Cottura

15 minuti

Costo

Dosi

per circa 30 raviole

Stagioni

Ingredienti

Raviole Di San Giuseppe con Mostarda Bolognese

Elogio della tradizione e della semplicità. Le Raviole di San Giuseppe con mostarda bolognese sono un dolce tipico di Bologna, nato tanti anni fa in occasione del 19 marzo, festa di San Giuseppe.

Questo giorno indicava la fine dell’inverno e la ripresa dei lavori nei campi, momento che portava maggiore guadagno alle famiglie contadine più povere.

Per gioire di questo evento si festeggiava preparando le raviole bolognesi, appendendole poi alle siepi lungo le strade, e mettendole a disposizione di tutti coloro che passavano.

Sono dolcetti fatti con un impasto simile alla pasta frolla, ma più morbido e facile da lavorare, ripieno con la mostarda bolognese, una confettura tipica preparata con prugne, pere, cotogne e arance.

Il sapore leggermente asprigno della confettura unito al dolce dell’impasto ne fanno un fine pasto ideale da inzuppare in un buon bicchiere di vino rosso, oppure un’ottima merenda per i bambini di oggi e di una volta…

Dal momento che si tratta di un dolce di origine contadina, anche gli ingredienti utilizzati venivano prodotti in casa. E pur essendo pochi e semplici, una volta abbinati, davano (e danno ancora!!) vita ad un tripudio di dolcezza.

Tradizione, consigli delle nonne, semplicità e genuinità dovrebbero essere un pò più presenti nella nostra quotidianità.

Dunque, perché non provare a cimentarsi nella preparazione delle Raviole di San Giuseppe utilizzando ingredienti a km “zero”?

Nelle campagne possiamo trovare vecchi mulini che producono la farina, caseifici che ci forniscono il burro e il latte freschi di giornata, contadini da cui prendere uova freschissime e la frutta per fare la marmellata… Forse costerà un pochino di fatica in più, ma il risultato merita!

Il sapore degli ingredienti freschi è impareggiabile e oltre ad aver risparmiato un p0′ sulla spesa sarete felici e gustosamente appagati!

Preparazione

  1. 1.

    Sciogliere il  burro in un pentolino.

  2. 2.

    In una ciotola mettere le uova con lo zucchero e mescolare bene.

  3. 3.

    Unire la farina e il lievito setacciati.

  4. 4.

    Mescolare bene e aggiungere il burro fuso. Iniziare a impastare e se l’impasto dovesse essere troppo asciutto aggiungere un poco di latte per ammorbidire. Dovrete ottenere un impasto solido e morbido da maneggiare.

  5. 5.

    Mettete un po’ di farina su un piano di lavoro e aiutandovi con un mattarello stendete l’impasto alto 3 o 4 mm.

  6. 6.

    Con una tazza da colazione o un coppa pasta tondo, ricavate le forme sulla pasta e togliete l’eccesso.

  7. 7.

    Ora mettete un cucchiaino di confettura al centro di ogni tondo, chiudete a metà e fate aderire bene i bordi esterni, di modo che in cottura non si aprano.

  8. 8.

    Mettete le raviole su una teglia, spennellatele con un poco di latte e cospargetele di zucchero semolato.

  9. 9.

    Cuocere a 180° per 10/15 minuti, fino a doratura.

Curiosità e consigli

Consiglio per farcire le raviole in modo rapido: mettere la confettura in una sac à poche! Vi renderà le cose molto più semplici!!

La farcitura della tradizione bolognese è la mostarda, ma le raviole sono ottime anche con altre confetture (albicocca in primis!!), crema pasticcera e crema al cioccolato.

Le raviole possono essere conservate tranquillamente per 3 settimane, con l'accortezza di mantenerle dentro ad una scatola di latta chiusa.