diredonna network
logo
Ricetta: Temaki

Temaki

Dettagli ricetta

Preparazione

20 minuti

Difficoltà

Cottura

0 minuti

Costo

Dosi

per 4 pezzi

Stagioni

Ingredienti

Temaki

Voglia di sushi? Oggi vi proponiamo il temaki, il sushi più semplice da preparare. Si tratta di un cono di alga nori ripieno solitamente di riso e pesce, ma che può essere farcito con tantissimi altri ingredienti, come per esempio l’avocado, i fagiolini e la polpa di granchio.

Il temaki è l’ideale per una cena tra amici a ispirazione orientale e può essere abbinato a tantissime altre pietanze giapponesi, come ad esempio gli hosomaki.

Per preparare un buon temaki, ciò a cui dovrete prestare attenzione sono proprio gli abbinamenti e la preparazione del riso per sushi. I giapponesi hanno una concezione estetica molto spiccata ed è per questo motivo che i loro piatti sono molto colorati. Seguiteci per scoprire come prepararli!

Quando preparare questa ricetta?

Il temaki si prepara in occasione di una cena a tema giapponese fra amici.

Preparazione

  1. 1.

    Per prima cosa dividiamo a metà il foglio di alga e sistemiamolo in una mano, dopodiché con l’altra mano bagnata prendiamo una porzione di riso cotto per sushi e spargiamolo in diagonale. Uniamo una punta di wasabi, quindi disponiamo il ripieno.

  2. 2.

    Inseriamo a questo punto i bastoncini di tonno o di salmone dello spessore di mezzo centimetro e lasciamo che sporgano al di fuori dell’alga. Uniamo anche il cetriolo, quindi ripieghiamo l’angolo in basso verso l’interno, avvolgendo il foglio in modo da formare un cono.

  3. 3.

    Proseguiamo in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti. I temaki sono pronti per essere serviti in tavola.

Varianti

Temaki ebi

Il temaki ebi si prepara infarinando i gamberetti sgusciati precedentemente e friggendoli in abbondante olio di semi. Una volta fritti si elimina l’olio in eccesso e si tagliano in pezzi. Si prende il foglio di alga nori e si dispone sul piano di lavoro, quindi si pone il riso cotto per sushi in modo da riempire tutta l’alga.

Si rigira il preparato di riso e alga in modo che il riso venga a contatto con la pellicola e si dispone una striscia di maionese in mezzo all’alga. A questo punto si posano i gamberetti fritti in fila sulla maionese e si forma un’altra striscia dello stesso ingrediente sui gamberetti.

Si arrotola il tutto facendo attenzione che gli ingredienti non fuoriescano. Se manca del riso aggiungetelo con le mani. Si toglie la pellicola e si guarnisce tutto con il sesamo. A questo punto si taglia il roll ottenuto con la lama di un coltello ben bagnata.

I rotolini ottenuti si dispongono su un vassoio e si servono in tavola.

Temaki california

Il temaki california si prepara lavando il riso molto bene sotto l’acqua corrente ben fredda fino a che la stessa non risulti limpida, dopodiché si versa in una pentola con dell’acqua e si lascia cuocere fino a che l’acqua non si sarà asciugata completamente.

In un pentolino si prepara un’emulsione con aceto di riso, zucchero e sale e si fa cuocere fino a che sia lo zucchero che il sale non siano ben sciolti. Il riso cotto viene trasferito successivamente in una teglia bassa e larga e viene condito con la riduzione preparata ben sparsa.

A questo punto lo si lascia raffreddare coperto con un panno. questa fase è importante perché renderà la consistenza del riso collosa. Si procede tagliando a fette il trancio di salmone e di tonno molto sottili e allo stesso modo si procede con l’avocado.

Dalle fette si ricavano successivamente delle listarelle. A questo punto si formano i temaki california compattando il riso su un tappeto di bambù e su di esso si dispone un foglio di alga nori e un foglio di alga seccato.

Si poggia il ripieno e si avvolge il tappeto su se stesso pressando bene il contenuto in modo da far incollare il riso. Il rotolo ottenuto si passa nei semi di sesamo dopodiché si taglia a fette e si serve in tavola.

Curiosità e consigli

  • I temaki si conservano in frigorifero coperti da un foglio di pellicola fino al momento di servirli. 
  • Se avanzano si conservano per al massimo un giorno sempre in frigorifero e ben coperti. 
  • È opportuno congelare il pesce per 96 ore a -18° prima di consumare del pesce crudo.