diredonna network
logo
Stai leggendo: Storie di Tiramisù

Guerra al Prosecco: "Smettete di berlo, rovina il sorriso"

Tutte pazze per le caramelle gommose di Hello Kitty

Quanto zucchero nella Coca Cola! L'azienda offre un milione di dollari a chi trova la soluzione

Chi vuole la cioccolata rosa? Eccovi serviti

Mai provato il Mojito Sake? Dovresti, per cui ecco la ricetta

Il modo in cui cuociamo il riso ci espone all'arsenico. Ecco come dovremmo fare

Ora puoi mangiare il sushi burrito da Starbucks

Maiale in agrodolce

Sponge cake

Pasta risottata

Storie di Tiramisù

Il Cucchiaio d'Argento racconta le dolci origini e le successive evoluzioni di uno dei dolci italiani più famosi (e buoni) del mondo. Il tiramisù.
Storie e segreti di Tiramisù

Oggi parliamo di uno dei dolci italiani più famosi al mondo. Un dessert semplice, fatto di caffè, zucchero, mascarpone, uova, zucchero e un po’ di cacao amaro. Un dolce però goloso e peccaminoso come pochi. Si tratta del tiramisù, ricetta nata molto probabilmente negli anni ’60, dai mille trucchi e dalle mille varianti e interpretazioni, e di cui tutti si arrogano la paternità.

Alcune versioni riportano che sia nato a Siena, altre a Torino, altre a ancora in Carnia, ma la versione più credibile ce la fornisce uno dei più conosciuti gastronomi degli anni ’70, quel Giuseppe Beppo Maffioli che fece incontrare spesso e volentieri la strada del cibo con quella del cinema. Maffioli racconta che il tiramisù è un dolce veneto, nato a Treviso su ricetta del ristorante Le Beccherie, che attualmente è balzato agli onori delle cronache perché sta chiudendo i battenti.

Le versioni sono talmente tante che è difficile elencarle tutte: c’è chi usa savoiardi e chi altri biscotti secchi, chi non mette il cacao e preferisce una versione più fresca con la frutta. Il segreto per un buon tiramisù resta comunque nella scelta delle materie prime, che devono essere di ottima qualità. Per recuperare quanto diceva Brillat-Savarin: nessun piatto sarà mai migliore del peggiore dei suoi ingredienti.

Altra cosa fondamentale è utilizzare uova pastorizzate, per evitare problemi di salmonella ai commensali. Nel caso di uova di dubbia provenienza è possibile realizzare una facile ma efficace pastorizzazione casalinga portando l’uovo a 82° C. Lo si può fare cucinandolo a bagno maria, oppure utilizzando, con un po’ di pratica e pazienza, il microonde. Per evitare che coaguli è sufficiente mescolarlo allo zucchero prima della pastorizzazione. Avrete in questo modo un tiramisù perfetto e assolutamente salubre.