logo
Galleria: Ravioli cinesi: la ricetta per farli di gamberi, di carne, vegani e senza glutine

Ravioli cinesi: la ricetta per farli di gamberi, di carne, vegani e senza glutine

Ravioli cinesi: la ricetta per farli di gamberi, di carne, vegani e senza glutine
Foto 1 di 15
x

Alla fine sono scelte di vita. C’è chi sfoggia un pancino molto glamour perché incinta di un baby raviolo… E chi nella pancia preferisce metterci i ravioli veri. Possibilmente tanti.

La cucina italiana vanta molte tipologie di ravioli, tutte assolutamente squisite. Ma oggi impareremo a prepararne in casa una variante molto diversa: quelli cinesi. Perché? Per 3 buoni motivi:

  1. Quasi tutti abbiamo una nonna, una mamma o una zia (o magari un papà!) in grado di insegnarci a stendere la pasta all’uovo. Imparare a fare i ravioli cinesi è sicuramente più complicato. Ecco allora che ci vengono in aiuto le ricette dal web.
  2. Le catene di fast food e ristoranti economici – di tutte le nazionalità – a volte non sono sicure. Cibi come ravioli o polpette hanno ingredienti di provenienza poco chiara, specie nel ripieno. Preparandoli a casa avremo la certezza di sapere cosa mangiamo.
  3. Avete presente quel momento di sconforto mentre leggiamo l’ennesimo articolo “cinque buoni consigli per dimagrire in fretta ed essere toniche per l’estate”? C’è una costante che piace proprio a tutti i dietologi, la troviamo in qualsiasi dieta: i cibi cotti al vapore. Quando arriviamo a leggere quelle quattro, temutissime parole, il nostro cervello passa in rassegna sconsolato varie immagini di broccoli e cavolfiori cotti al microonde, pallidi e poco invitanti. Idea: anche i ravioli cinesi sono cotti al vapore, quindi valgono lo stesso. Solo che sono buonissimi. Ecco!

Il sushi diventa arte: come preparare un mosaic sushi

In più, preparare in casa i ravioli cinesi può essere la scusa per organizzare una spettacolare serata a tema. Riso alla cantonese, pollo alle mandorle, biscotti della fortuna… Insomma: quello che ci vuole quando abbiamo voglia di cibo cinese, ma anche di metterci alla prova davanti ai fornelli.

In seguito a una puntata di Masterchef particolarmente seguita, ambientata nella China Town di Milano e disputatasi a colpi di cibo asiatico, Vanity Fair ha raccolto le ricette delle tre varianti più tradizionali del «jiaozi» (il tipico raviolo cinese portatore di buona fortuna) così come ce le propone Marco Liu del rinomato Ba-Resturant di Milano: alle verdure, ai gamberi e ripieni di carne. A queste abbiamo aggiunto la variante vegana e gluten free di Feasting on fruit.

Scorri la gallery per  scoprire le ricette e… Buon appetito!

PS: con la presente ti autorizziamo, nel caso ti arrendessi a metà procedimento, a buttare via tutto e ordinare del cibo cinese da asporto. Ma solo se ci prometti che ti impegnerai al massimo!