diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 febbraio 2014: Giornata contro lo spreco alimentare

I 50 piatti più buoni del mondo da mangiare prima di morire

Salsa tartara

Muffin alle mele

Carpaccio di zucchine

Kimchi

Pettole

Bisque di gamberi

Come pastorizzare le uova

Torta di grano saraceno

Marmellata di pomodori verdi

5 febbraio 2014: Giornata contro lo spreco alimentare

Il 5 febbraio 2014 è la prima Giornata contro lo spreco alimentare indetta dal Ministero dell'Ambiente, che ha lo scopo, oltre a sensibilizzare la popolazione, anche di prevenire questo fenomeno.
5 febbraio 2014: Giornata contro lo spreco alimentare

Il 5 febbraio 2014 il Ministero dell’Ambiente ha indetto  la prima Giornata contro lo spreco alimentare con lo scopo di sensibilizzare la popolazione e prevenire questo fenomeno.

In Italia, infatti, ogni settimana una famiglia media butta 200 grammi di cibo che si traducono in 316€ buttati nella spazzatura.

E se per di per sè come dato non sembra granchè, questo ha effetti anche sulle biodiversità. ”Ogni anno in Italia buttiamo nel cestino fino a 1.226 milioni di metri cubi di acqua (pari all’acqua consumata ogni anno da 19 milioni di italiani) e 24,5 milioni di tonnellate di CO2  (pari a circa il 20% delle emissioni di gas serra del settore dei trasporti).  Inoltre gettiamo via anche il 36% dell’azoto da fertilizzanti, usati inutilmente” afferma il WWF Italia.

Da un’indagine della Coldiretti nel 2013 il 73% degli italiani hanno tagliato gli sprechi a tavola.  Il portavoce della Coldiretti dichiara infatti che “La tendenza al contenimento degli sprechi  è forse l’unico aspetto positivo della crisi in una situazione in cui ogni persona in Italia ha comunque buttato nella spazzatura una quantità incredibile di prodotti alimentari durante l’anno.”

Oggi, a Roma, parteciperanno alla Prima Giornata di prevenzione dello spreco alimentare oltre al ministro dell’ambiente e al WWF Italia anche la Fao, Expo, Confagricoltura, Confcommercio, Slow Food, Federconsumatori, Coldiretti, Last Minute Market, Banco Alimentare e anche le aziende italiane coinvolte nel progetto come Barilla, Granarolo, Whirlpool, Conad, Coop, Alcenero e molte altre.