diredonna network
logo
Stai leggendo: Appello shock: “Boicottate il panettone del Napoli, è uno schiaffo morale alla città!”

Guerra al Prosecco: "Smettete di berlo, rovina il sorriso"

Tutte pazze per le caramelle gommose di Hello Kitty

Quanto zucchero nella Coca Cola! L'azienda offre un milione di dollari a chi trova la soluzione

Chi vuole la cioccolata rosa? Eccovi serviti

Mai provato il Mojito Sake? Dovresti, per cui ecco la ricetta

Il modo in cui cuociamo il riso ci espone all'arsenico. Ecco come dovremmo fare

Ora puoi mangiare il sushi burrito da Starbucks

Maiale in agrodolce

Sponge cake

Pasta risottata

Appello shock: "Boicottate il panettone del Napoli, è uno schiaffo morale alla città!"

"Boicottate il panettone del Napoli Calcio!"Questo l'appello di chi vede in questa mossa di marketing uno schiaffo morale alla città campana e ai suoi cittadini.
(foto:Web)
(foto:Web)

Il movimento Insorgenza Civile lancia l’appello: “Boicottate il panettone ufficiale del Calcio Napoli!”

Sul sito del movimento è stata lanciata una vera e propria campagna di boicottaggio nei confronti di questo panettone di marca Balocco, contraddistinto dallo stemma del Napoli sulla confezione e la sciarpa della squadra in regalo. Il prodotto fa parte della linea dedicata al calcio e messa in commercio in occasione del Natale 2013 dall’azienda di Fossano (Cuneo).

(foto:Web)
(foto:Web)

Oltre al Panettone dedicato al Napoli, ci sono quelli di Juventus, Milan, Roma e Inter. Secondo Insorgenza Civile però, il panettone della squadra campana è una doppia presa in giro del presidente De Laurentiis: i panettoni infatti non vengono prodotti da un’azienda in Campania, e secondo I.C. si tratta quindi dell’ennesima operazione commerciale del Calcio Napoli che non da lavoro a nessun conterraneo, anzi, l’azienda che produce il panettone si trova al nord. 

“Molte aziende meridionali producono panettoni artigianali di altissima qualità e dolci natalizi sicuramente più tipici, che raccontano la nostra identità molto meglio. Senza contare che l’azienda produttrice ha sede legale al Nord, e dunque l’iva e le altre imposte verranno versate al Nord, mentre è facile immaginare che la maggior parte dei prodotti verranno venduti nel meridione”.

 

Insomma, dopo i cinepanettoni, i napoletani vedono un panettone alimentare che anche in questo caso non porterà nessun vantaggio alla città.