diredonna network
logo
Stai leggendo: Le 6 migliori chef donna d’Italia

Starbucks: arrivano due nuovi Frappuccini. Quale scegli?

Pane di segale

Spaghetti di riso

Patatas bravas

Totani in umido

Crocchette di pollo

Perché non dovresti MAI ordinare bibite con ghiaccio

Pizzette di melanzane

Pita gyros

Uovo in camicia

Le 6 migliori chef donna d'Italia

I migliori Chef? Ovviamente sono Donne! Ecco a voi le migliori 6 di tutta Italia.

E chi lo ha detto che i migliori chef sono uomini? Abbiamo scovato per voi le 6 migliori cuoche del nostro paese che non hanno assolutamente nulla da invidiare ai loro colleghi maschi.

 

Cristina Bowerman

CRISTINA BOWERMAN – Glass Hostaria, Roma

La sua cucina è curiosa e curiosa. Non conosce barriere spazio-temporali, ed è perenne aggiornamento, scoperta, contaminazione. Come lei.

 

 

Le 6 migliori chef donna d’Italia

VIVIANA VARESE – Alice C/O Eataly, Milano (COMING SOON)

Ha cucinato così bene gli insegnamenti del Supremo Marchesi, che oggi è l’unica chef donna stellata del territorio meneghino. Si esibisce con sapori prevalentemente mediterranei, di pesce. Presto, sotto i riflettori di Eataly.

 

ANNA DENTE – Osteria di San Cesareo, San Cesareo RM

E’ anche in tv, su giornali, libri, guide, siti. E’ un fiume in piena. E’ vulcanica. E’ verace. Ma soprattutto (e per fortuna) è il ritratto della cucina romana e laziale.

MARIANNA VITALE – Sud, Quarto NA

E’ Vitale, di nome e di fatto. Portasse altri cognomi? Determinata, Caparbia, Indipendente. Rigorosa, Forte. Precisa, Capace. E Stellata.

ALICE DELCOURT – Erba Brusca, Milano

Nasce in Francia, cresce in Inghilterra, studia e lavora in America. Ma il Paese delle Meraviglie che ha Alice ha scelto è… l’Italia. Giovane, bella e talentuosa, è chef pluripremiata ai fornelli del suo bucolico “orto con cucina”.

NICOLETTA BOCCA – San Fereolo, Dogliani – Donna del vino

Da Milano alle Langhe, per amor del vino. Una scelta di vita che tra grandi sforzi e ancor più forti ambizioni ha partorito eccellenti vini naturali, veri, espressione autentica del suo essere e del suo territorio d’adozione.