diredonna network
logo
Stai leggendo: Pausa pranzo: 5 consigli salutari per un momento di relax

Come pastorizzare le uova

Perché dovresti provare la colazione proteica, anche in versione vegana

Salsa tartara

Muffin alle mele

Carpaccio di zucchine

Kimchi

Pettole

Bisque di gamberi

Torta di grano saraceno

Marmellata di pomodori verdi

Pausa pranzo: 5 consigli salutari per un momento di relax

La pausa pranzo spesso sembra un problema. Non sappiamo mai con esattezza cosa mangiare, se andare in un bar o portarci qualcosa da casa (che sarebbe più salutare). Ma di una cosa bisogna essere sicuri: la pausa pranzo deve essere un momento di totale relax e deve durare abbastanza affinché l’organismo avverta la sensazione di distacco dallo stress lavorativo.

Ma non è semplice. Purtroppo capita che la pausa pranzo sia ridotta, venga consumata alla scrivania, semmai mentre si sta ancora lavorando senza un attimo di tregua. E questo è sbagliatissimo. Infatti la fretta è il peggior nemico per il nostro stomaco: mangiando velocemente la masticazione è incompleta e la digestione è compromessa.

Se mangiate un panino, dovete ricordare che andrebbe consumato lentamente, facendo bocconi piccoli, masticando a lungo e bevendo molti liquidi, soprattutto acqua. La sua farcitura, inoltre, dovrebbe essere semplice: lattuga, pomodoro, mozzarella, tonno.Evitate, se possibile, le salse e cercate di variare di giorno in giorno.

I nostri suggerimenti:

(foto:Web)
(foto:Web)

Scegliete cibi semplici, con ingredienti freschi e di qualità. Sforzatevi di non consumarli in fretta per tornare al lavoro in tempi record.

(foto:Web)
(foto:Web)

Frutta e verdura non devono mai mancare. Potete portare anche uno yogurt da casa, semmai anche quelli “da bere”. Oppure preparate una bella macedonia: si sta avvicinando l’estate e qualcosa di fresco farà senz’altro piacere a metà giornata.

(foto:Web)
(foto:Web)

Variate l’alimentazione: non limitatevi a un trancio di pizza o a una focaccia. Una volta ogni tanto può andare, ma tutti i giorni è deleterio: qualche volta regalatevi un pranzo come si deve, con primi piatti e contorni.

(foto:Web)
(foto:Web)

Un take-away o un pranzo consumato in ufficio possono essere una soluzione, ma ad una sola condizione: la pausa pranzo deve realmente essere un momento di estraniamento dallo stress lavorativo. Quindi allontanatevi dalla vostra postazione quando decidete che è giunto il momento di pranzare.

(foto:Web)
(foto:Web)

Se siete fortunate e nel vostro ufficio c’è un’area relax con forno a microonde o un piccolo frigorifero dove poter conservare i cibi, non temete ad usarlo per consumare qualche pasto portato da casa (un minestrone di legumi, verdura cotta, gli “avanzi” del giorno prima) almeno due volte a settimana.