diredonna network
logo
Stai leggendo: Tutti i gusti di sua Maestà il cioccolato. Come utilizzarlo al meglio in cucina.

Guerra al Prosecco: "Smettete di berlo, rovina il sorriso"

Tutte pazze per le caramelle gommose di Hello Kitty

Quanto zucchero nella Coca Cola! L'azienda offre un milione di dollari a chi trova la soluzione

Chi vuole la cioccolata rosa? Eccovi serviti

Mai provato il Mojito Sake? Dovresti, per cui ecco la ricetta

Il modo in cui cuociamo il riso ci espone all'arsenico. Ecco come dovremmo fare

Ora puoi mangiare il sushi burrito da Starbucks

Maiale in agrodolce

Sponge cake

Pasta risottata

Tutti i gusti di sua Maestà il cioccolato. Come utilizzarlo al meglio in cucina.

Curiosità e consigli in cucina sul confort food più amato dalle donne
cioccolato_full

 

La cioccolata piace a tutte; devo ancora conoscere chi non la ama. Fondente, al latte, bianca ognuno ha la sua tipologia di cioccolato preferita e con le prime piogge e le temperature che si abbassano l’animo dark chocolate esulta.

Dei benefici del cioccolato abbiamo già parlato ma oggi voglio tornare sull’aspetto giocoso e culinario, provando a raccontarvi qualcosa in più su questo tesoro enogastronomico che cresce sugli alberi!

Come nasce il cioccolato?

Non c’è cioccolato senza cacao. Si inizia infatti con la raccolta dei cabossidi, frutti del cacao che nascono da un fiore molto simile a un’orchidea, dai quali escono dei semi a polpa chiara. I semi vengono fatti fermentare per alcuni giorni per poi essere tostati, frantumati, raffinati e passati in un’apposita macchina che lavora la polvere fino a diventare una pasta, alla quale si aggiungono zucchero e latte in polvere. La percentuale ottimale di cacao si aggira intorno al 70%: percentuali maggiori rendono il cioccolato astringente riducendo la percezione da parte delle papille gustative. Lo zucchero invece non dovrebbe superare il 40%.

cioccolato

Il cioccolato parla di noi

Ma cosa succede quando il cioccolato incontra la psicologia? A metà fra il serio e il faceto, mi sono divertita ad abbinare ad ogni profilo caratteriale e “cioccolatologico” la sua ricetta, con qualche consiglio  per rendere speciale ogni assaggio.

 

Il tipo cioccolato extra fondente – Indipendenti, volitive e con una propensione al comando. Amate i sapori forti e aspirate sempre al meglio.

Consiglio in cucina: Fragole e cioccolato. Un classico. Ma se volete osare grattugiate del cioccolato fondente di modica su un arrosto di maiale, sfumato con del vino bianco. Un’esperienza sensoriale per vere intenditrici.

fragole-al-cioccolato

Il tipo cioccolato al latte – State bene con tutto e tutti. Siete molto affettuose e guardate con nostalgia all’infanzia. Per voi il cibo, soprattutto il cioccolato, è un rifugio, un luogo di conforto.

Consiglio in cucina: cioccolata in tazza con meringhe sbriciolate. Per una perfetta cioccolata calda, Pellegrino Artusi, consiglia di sciogliere 60 gr di cioccolata in 2 decilitri d’acqua calda. Le meringhe le aggiungo io.

cioccolata-e-marshmellow

Il tipo cioccolato bianco – Siete positive, con la tendenza all’idealizzazione: tendete a vedere solo il meglio delle persone che vi circondano. Altruiste e generose, per voi la dolcezza è  la principale chiave relazionale.

Consiglio in cucina: Va bene la dolcezza ma in cucina può diventare stucchevole. Smorzate la dolcezza con i sapori agrumati di arancia e limone; arricchite le vostre ricette con dei pistacchi. La ricetta ideale? I tartufi al cioccolato bianco con granella di pistacchi.

tartufi al cioccolato bianco_pistacchi

 

E voi di che cioccolato siete?