La vaporiera è uno strumento fondamentale in cucina per la cottura al vapore. Quest’ultima rappresenta una delle possibilità attraverso cui cuocere i cibi, una possibilità sicuramente sana ma che tuttavia non può essere applicata a tutta la gamma degli ingredienti a disposizione di una dieta onnivora.

Questo tipo di cottura è da sempre diffuso in Asia: vi sarà capitato, se frequentate ristoranti cinesi seppur occidentalizzati nel loro menu, di assaggiare (o leggere tra le pietanze a disposizione) dei ravioli al vapore o del pane al vapore.

Ma naturalmente i piatti a disposizione da preparare possono essere molteplici, tanto che alcune vaporiere vengono perfino vendute con un ricettario.

I benefici della cottura a vapore

Vaporiera
Fonte: Pixabay

La cottura a vapore, nell’immaginario collettivo, appare essere un toccasana. Ma cosa accade, per esempio, con le verdure e gli ortaggi? Riusciremo a preservare gli elementi nutritivi sani che questi alimenti possiedono?

Per gli ortaggi ricchi di vitamina C, polifenoli e glucosinolati, come broccoli e altre brassicacee, è consigliabile optare per una cottura al vapore o al microonde, che ne preservano il contenuto – spiega su Humanitas la dietista Manuela Pastore – mente la bollitura ne determina una perdita maggiore. Le carote privilegiano la bollitura e le melanzane la grigliatura per poterne addirittura aumentare la quantità di antiossidanti. Mentre la griglia sembra essere opportuna per la cottura delle melanzane, per peperoni e zucchine non è adatta perché comporta una riduzione dell’attività antiossidante.

Il biologo nutrizionista Stefano Coratella, su Sky ribadisce che in effetti la cottura a vapore è ottimale per tutti gli alimenti di origine vegetale, ma anche per quelli di origine animale (anche se è meglio evitare le carni con l’osso o troppo spesse e grasse, per una questione di cottura omogenea, con l’eccezione di kobe, wagyu e cotechino). I benefici di questo tipo di cottura, in effetti sono:

  • cucinare con una tecnica salutare;
  • preservare i nutrienti, così come colori e sapori degli ingredienti;
  • cucinare in modo leggero perché non è prevista l’aggiunta di grassi.

Cos’è e come funziona una vaporiera?

Prende il nome di vaporiera una pentola in acciaio o bambù o un dispositivo che permette la cottura al vapore.

Le vaporiere possiedono più strati: c’è un serbatoio e poi uno o più livelli in cui possono essere posti gli alimenti. Nel serbatoio ci va l’acqua che, attraverso la somministrazione di calore, si trasforma in vapore acqueo, modificando il suo stato da liquido a gassoso. Questo gas trasferisce la somministrazione del calore (con una piccola dispersione) ai cibi, di modo che le temperature di cottura non risultino mai alte e quindi aggressive.

Come usare i cestini di bambù per cuocere al vapore
12

Vaporiera: tipologie e modelli

Vaporiera
Fonte: Pixabay

Sostanzialmente le tipologie di vaporiera in commercio sono due:

  • vaporiera a gas;
  • vaporiera elettrica.

Entrambe si basano sullo stesso principio fisico poc’anzi spiegato: la somministrazione di calore all’acqua che la trasforma in vapore, H2O allo stato gassoso. La vaporiera elettrica fa più o meno tutto da sé: si mette l’acqua nel serbatoio, si dispongono i cibi sui diversi strati seguendo le istruzioni del dispositivo e si seleziona un tempo di cottura sempre in base alle istruzioni.

Per quanto riguarda le vaporiere a gas, parliamo di pentole speciali. Sono pentole a due o più strati, in cui quelli superiori sono bucherellati per permettere il passaggio del vapore.

In Cina e nei Paesi asiatici, questo tipo di vaporiera può essere in bambù, cosa che in effetti consente di non surriscaldare i piani di cottura. Ma in commercio esistono vaporiere anche in acciaio inox con fondo rinforzato, per chi ha una maggiore consuetudine con questo tipo di materiale tra i fornelli.

5 vaporiere da acquistare online

In commercio esistono diversi tipi e diversi modelli di vaporiere. Ve ne proponiamo alcune più moderne e “automatiche” e altre “analogiche”, selezionate tra quelle in vendita su Amazon con le maggiori recensioni positive.

Vaporiera Tognana

Vaporiera Tognana

È una vaporiera per fornello o cucina a induzione, con due strati, uno per l'acqua e l'altro per gli ingredienti. È in acciaio inox, ha un diametro di 22 centimetri con un fondo termoradiante.
47 € su Amazon
Pro
  • Buon rapporto qualità-prezzo
  • Esteticamente bella
  • Semplice da pulire
Contro
  • Coperchio troppo leggero
  • A volte fuoriesce il vapore
  • Acciaio non di altissima qualità
Vaporiera Russell Hobbs

Vaporiera Russell Hobbs

Vaporiera elettrica a tre scompartimenti. Ha una capacità di 9 litri e una potenza di 800 watt. Le vaschette hanno un diametro progressivo tra i 24 e i 26 centimetri.
29 € su Amazon
55 € risparmi 26 €
Pro
  • Funzionale
  • Solida
  • Facile da pulire
Contro
  • Non ha un tasto di spegnimento
  • Non è di facile utilizzo
  • È troppo delicata
Vaporiera Aeternum Divina

Vaporiera Aeternum Divina

È una vaporiera per fornello o cucina a induzione, con un diametro di 22 centimentri e un fondo a triplo strato. Possiede un coperchio trasparente in vetro temperato, il resto è acciaio inox.
33 € su Amazon
47 € risparmi 14 €
Pro
  • Comoda
  • Buon rapporto qualità-prezzo
  • Versatile
Contro
  • Troppo leggera
  • Capacità ridotta
  • Non usare con porzioni abbondanti
Vaporiera Cuisinart

Vaporiera Cuisinart

È una vaporiera elettrica che può essere utilizzata anche per il riscaldamento dei cibi. Possiede una griglia di appoggio in acciaio inossidabile. Si lava in lavastoviglie e ha uno schermo lcd.
199 € su Amazon
Pro
  • Facile da pulire
  • Facile da usare
  • Diverse applicazioni
Contro
  • Non è adatto a una serie di ingredienti
  • Temperatura troppo alta
  • Molto lenta nella cottura
Vaporiera Excelsa Asia

Vaporiera Excelsa Asia

Si tratta di un cestello tradizionale in bambù per la cottura a vapore. Possiede due ripiani estraibili ed è facile da usare e pulire.
22 € su Amazon
Pro
  • Funzionale
  • Versatile
  • Buona qualità
Contro
  • Non di facile utilizzo
  • Dimensioni piccole
  • Non resiste a troppi lavaggi
La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!