Dettagli ricetta

Preparazione

30 minuti

Difficoltà

Cottura

10 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Gnocchi di polenta

Gli gnocchi di polenta sono un’alternativa interessante ai soliti primi piatti. In più sono considerati un piatto svuotafrigo. Mettiamo infatti che il giorno prima abbiate preparato della polenta abbondante e che questa sia avanzata: che si fa? Sarebbe davvero un peccato buttarla via considerati gli sprechi alimentari a livello globale: per cui decidiamo di riciclarla facendola diventare una ricetta completamente diversa.

È molto semplice: gli gnocchi di polenta si preparano frullando la polenta avanzata con i tuorli d’uovo e poi creando un impasto insieme al formaggio grattugiato e a della farina. Con il classico metodo di realizzazione degli gnocchi – anche quelli di patate si fanno così – poi l’impasto si lavora fino a ottenere la forma desiderata. Per quanto riguarda i rilievi della scavatura dello gnocco, potete scegliere tra i rebbi della forchetta e una grattugia. Quest’ultimo metodo è più veloce.

Ma come si condiscono gli gnocchi di polenta? Quello che consigliamo è un condimento semplice, a base di burro fuso e parmigiano grattugiato, ma potete pensare anche a qualcosa di più sfizioso come il sugo che si forma quando si preparano carne oppure ortaggi in umido. L’importante è non esagerare, oppure oscurerete il sapore dei vostri gnocchi.

Gli gnocchi di polenta sono vegetariani, quindi possono essere consumati da persone che hanno abbracciato questo regime alimentare. Non sono adatti, naturalmente, a coloro che presentano allergie o intolleranze al singolo ingrediente che compone la ricetta.

Quando preparare questa ricetta?

Gli gnocchi di polenta sono un primo piatto da consumare a pranzo o a cena.

Preparazione

  1. Frullate insieme la polenta e i tuorli d’uovo. Poi, dal frullatore, spostate tutto in una ciotola.

  2. Aggiungete il formaggio grattugiato e amalgamate.

  3. Ora aggiungete la farina poco per volta e terminate il vostro impasto.

  4. Prendete una spianatoia e formate dei serpentelli con l’impasto. Tagliate dei segmenti di un paio di centimetri e “rivoltateli” sui rebbi di una forchetta oppure su una grattugia.

  5. Bollite per qualche minuto in abbondante acqua salata e scolateli quando gli gnocchi vengono a galla.

Varianti

Gnocchi di polenta al forno

In questa variante, sistemate i vostri gnocchi, dopo averli bolliti, in una teglia da forno e condite con besciamelle e ragù qua e là, coprendo completamente la superficie. Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per un quarto d’ora circa.

Gnocchi di polenta fritti

In questa variante, gli gnocchi sono rivoltati in un uovo sbattuto e nel pangrattato e fritti in abbondante olio di semi.

Curiosità e consigli

  • Se invece degli gnocchi volete fare delle chicche, potete semplicemente tagliare i serpentelli con bocconcini di un centimetro, senza la scavatura, e bollirli.
  • Potete usare un formaggio a piacimento: se al posto del parmigiano avete del pecorino, per esempio, va benissimo comunque. È il principio delle ricette svuotafrigo.