Dettagli ricetta

Preparazione

50 minuti

Difficoltà

Cottura

30 minuti

Costo

Dosi

per 6 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Ciambella romagnola

La ciambella romagnola è un dessert che viene dalla tradizione della cucina povera dell’Emilia Romagna. Viene infatti preparata di solito per la colazione dei giorni di festa, da accompagnare con il latte al mattino, e al tempo stesso può essere consumata a fine pasto insieme a un vino dolce locale.

Non si tratta della classica ciambella col buco. La ciambella romagnola ha infatti la forma di un panetto e viene cosparsa di granella di zucchero. Tuttavia, le prime volte in cui la preparate, dato che parliamo di un impasto con il lievito istantaneo, potete anche utilizzare uno stampo per ciambelle, in modo che non si gonfi in maniera anomala. Può succedere con le ricette che non si conoscono e sono simili ai pan di Spagna.

L’idea della ciambella romagnola è infatti molto vicina a quella del pan di Spagna. Tanto che alcuni la usano come base per la zuppa inglese. Noterete però che ha un colore tendente al giallo all’interno: accade grazie alla presenza di burro sciolto e uova che vengono mescolati insieme all’inizio della preparazione, per poi essere uniti alle “polveri”.

L’altra particolarità della ciambella romagnola è il profumo, che cambia in base agli odori utilizzati. Quello che usiamo in questa ricetta è il limone, presente in una buccia grattugiata, ma potete ricorrere anche al liquore all’anice o alla più classica vaniglia.

Quando preparare questa ricetta?

La ciambella romagnola è un dessert che può essere consumato a fine pasto, a pranzo o cena, ma anche a colazione o come merenda o spuntino.

Preparazione

  1. Sciogliete il burro e mescolatelo con le uova.

  2. In una ciotola a parte mescolate le “polveri”, ossia la farina setacciata, zucchero, lievito e sale. Aggiungeteci anche la buccia di limone grattugiata.

  3. Versate i “liquidi”, ossia burro e uova mescolati, nelle “poveri”. Impastate prima con un cucchiaio e poi a mano, ottenendo un’impasto solido ma morbido.

  4. Formate un panetto oppure adagiate l’impasto in una teglia per ciambelle preimburrata. Spennellate la superficie con il latte e cospargete con la granella.

  5. Cuocete in forno ventilato a 170°C per una trentina di minuti. Fate sempre la prova con lo stuzzicadenti lungo.

Varianti

Ciambella romagnola alla Nutella

In questa variante, si divide in due l’impasto classico, si sistema uno strato di Nutella all’interno del primo e si richiude con il secondo.

Ciambella romagnola Bimby

Questa variante è identica negli ingredienti e nelle fasi alla ricetta principale, ma il tutto avviene con gli accessori Bimby.

Curiosità e consigli

  • Il colore interno della ciambella è tipico, ed è dato dalla commistione tra i “liquidi”, ovvero uova e burro sciolto.
  • La forma classica è quella del panetto, ma ci si può regolare anche con una teglia per ciambelle, soprattutto le prime volte.
  • In alternativa al limone si può usare un bicchierino di liquore all’anice o la vaniglia.