Dettagli ricetta

Preparazione

4 ore e 10 minuti

Difficoltà

Cottura

4 ore e 0 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Mesciua

La mesciua è un piatto ligure, specificamente della zona di La Spezia. Si tratta di una gustosa zuppa che mescola legumi e cereali. I legumi sono secchi e insieme ai cereali vengono messi a bagno dalla sera prima della preparazione per potersi reidratare e passare poi alla bollitura. I diversi legumi e cereali hanno ovviamente cotture differenti ed è qui che si gioca, in un certo senso, la difficoltà di questa ricetta. Che, niente paura, è un po’ lunga ma per niente complessa.

I cereali che vengono utilizzati nella mesciua sono rappresentati solitamente dal farro, mentre per i legumi si utilizzano in massima parte fagioli e ceci. Non manca mai l’olio extravergine d’oliva e, se vi piace, qualche crostino e un po’ di peperoncino piccante.

Non si conoscono esattamente le origini della mesciua, il cui nome significherebbe “mescolanza”. Forse risale a tempi molto antichi, al XVI secolo, oppure potrebbe essere il risultato degli alimenti che venivano dati agli scaricatori di porto di La Spezia: si trattava degli avanzi di giornata, per la rottura di qualche sacco di legumi o cereali, che venivano quindi portati a casa da questi lavoratori e preparati in una gustosa zuppa. Che non conosce stagioni: si può preparare con il freddo e con il caldo.

Quando preparare questa ricetta?

La mesciua è una zuppa che può essere consumata durante un pasto, quindi sia a pranzo che a cena.

Preparazione

  1. Mettete a bagno in acqua, in tre ciotole separate, i ceci, i fagioli e il farro per tutta una notte.

  2. Scolate i ceci e metteteli in pignatta. Coprite a livello con acqua e cuocete a fuoco lento per un paio d’ore, badando di togliere di tanto in tanto la schiumetta.

  3. Scolate i fagioli e aggiungete ai ceci, rimpinguando l’acqua a livello se occorre. Continuate a cuocere per circa un’ora.

  4. Scolate il farro e aggiungete al resto, rimpinguando ancora una volta l’acqua all’occorrenza. E ancora un’ora di cottura.

  5. Verso la fine, aggiustate di sale. Impiattate, condite con olio crudo e aggiustate di pepe.

Curiosità e consigli

  • Potete usare una pignatta ma anche una pentola.
  • Ceci, fagioli e farro si aggiungono via via perché hanno tempi di cottura differenti.