Ricetta Risotto con fiori di zucca | Roba da Donne

Dettagli ricetta

Preparazione

10 minuti

Difficoltà

Cottura

20 minuti

Costo

Dosi

per 6 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Risotto con fiori di zucca

Il risotto con fiori di zucca è un primo piatto allegro, colorato, sostanzioso, protagonista sulle tavole primaverili, quando i fiori si trovano più facilmente. Come tutti i risotti, anche questa ricetta può essere sia scelta come protagonista per un pranzo importante, oppure come pietanza da tutti i giorni.

Il risotto infatti è un primo piatto così comune, soprattutto nell’Italia del Nord, che chiunque lo sa fare o meglio, afferma di saperlo fare. Esistono alcuni piccoli dettagli che contribuiscono a rendere un risotto veramente speciale.

Per quanto riguarda quello ai fiori di zucca, ad esempio, c’è chi sostiene che un po’ di zafferano aggiunto a fine cottura è esattamente quello che ci vuole per esaltare il sapore di questo primo piatto.

I fiori di zucca si dividono in maschi e femmine, e in cucina solitamente si utilizzano i maschi. Questo non perché gli altri non siano edibili, ma perché dai fiori femmine si sviluppano i frutti. Pertanto togliere dalla pianta solamente i fiori maschi permette di avere un raccolto sia di fiori che di frutti.

I fiori di zucchina, invece, rimangono attaccati al frutto fino a quando la zucchina è matura: per questo spesso vengono venduti insieme. Provate ad utilizzare anche quelli per il vostro risotto!

Quando preparare questa ricetta?

Preparate il risotto con fiori di zucca in primavera, quando è più facile trovare i fiori di zucca.

Preparazione

  1. Con estrema delicatezza lavate i fiori di zucca: togliete il pistillo, poi tagliateli a listarelle. Tenetene da parte interi se volete utilizzarli come decorazione.

  2. Realizzate un soffritto leggero con lo scalogno e l’olio, oppure con poco burro. Non appena si colora lo scalogno, versate il riso e fatelo tostare. Bagnate poi con il vino bianco e lasciatelo evaporare.

  3. Aggiungete il brodo ben caldo, poco alla volta, man mano che si asciuga. A metà cottura aggiungete i fiori di zucca.

  4. Mantecate il risotto con una noce di burro e del Parmigiano Reggiano grattugiato. Servite caldo dopo averlo lasciato riposare un minuto o due.

Varianti

Risotto con fiori di zucca e zucchine

Se acquistate i fiori di zucchine per il vostro risotto, utilizzate anche le zucchine a rondelle nella ricetta. Mettetele in pentola subito dopo aver fatto tostare il riso: avrete un risotto cremoso e saporito e zucchine morbide.

Risotto con fiori di zucca e gamberi

Se aggiungete i gamberetti, approfittate per cuocere il risotto con un brodo di pesce: potete farlo anche con le teste e il carapace dei gamberi. Considerate la grandezza dei vostri gamberi, o gamberetti, per aggiungerli al riso al momento giusto, perché potrebbero cuocere anche in pochi minuti se sono piccoli e risulterebbero sicuramente duri se aggiunti troppo presto. Da ultimo, il risotto con il pesce non si manteca con il Parmigiano Reggiano.

Risotto con fiori di zucca e pancetta

La pancetta va unita allo scalogno nel soffritto: in questo modo riuscirete a sgrassarla e a renderla più croccante. In alternativa, sgrassatela a parte in una padella antiaderente e unitela al riso quasi giunto a cottura.

Risotto con fiori di zucca Bimby

Tritate il Parmigiano Reggiano con alcuni colpi di Turbo, poi tenetelo da parte. Tritate quindi lo scalogno direttamente nel Bimby, 20 secondi a vel. 4. Aggiungete l’olio e cucinate a 100°C per 3 minuti, antiorario inserito. Tostate quindi il riso per alcuni minuti, a 100°C, senza mai più togliere l’antiorario. Versate il vino e, senza misurino sul coperchio, lasciatelo evaporare. Quindi, unite i fiori di zucca e il brodo e portate a cottura. Aggiungete il Parmigiano Reggiano, una noce di burro e mantecate per un minuto. Lasciate riposare brevemente e servite ben caldo.

Curiosità e consigli

  • Prima di utilizzare il fiore, eliminate il pistillo, altrimenti, la vostra ricetta risulterà amara;
  • Utilizzate i fiori entro poche ore dall’acquisto: sono molto delicati e deperiscono velocemente.