Dettagli ricetta

Preparazione

2 ore e 0 minuti

Difficoltà

Cottura

1 ora e 30 minuti

Costo

Dosi

per 6 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Arrosto di vitello alla menta

L’arrosto di vitello alla menta è un secondo piatto che merita tutta la pazienza che avete, ma al tempo stesso il risultato sarà davvero notevole, soprattutto se lo state preparando per un pranzo o una cena speciale, che per voi ha un valore importante.

La preparazione dell’arrosto di vitello alla menta consta di più fasi. La carne di vitello va “stoccata” con l’aglio e la menta, ovvero su di essa vanno praticate delle fenditure entro le quali vengono inseriti questi due ingredienti. La carne viene quindi massaggiata con sale e pepe per poi essere rosolata in padella: ricordate di rosolarla a fondo e a fuoco alto. 

La cottura vera e propria dura un’ora e mezza o oltre: deve essere a fuoco lentissimo, affinché la carne resti morbida, e avvenire nel long drink che avrete provveduto a preparare.

La menta viene usata in più modi nell’arrosto di vitello alla menta. Si utilizza infatti quando provvederete a stoccare la carne, nel long drink che avrete preparato e infine si usa per guarnire le fette che metterete nel piatto con un po’ di brodo di cottura. 

Tuttavia, al posto del long drink, potete usare in cottura, a vostra scelta, sia del brodo di carne, sia del vino bianco o rosso (ma ricordate che il rosso tinge gli alimenti generalmente, in particolare quando contiene cocciniglia).

Quando preparare questa ricetta?

L’arrosto di vitello alla menta è un secondo piatto che può essere consumato a pranzo oppure a cena.

Preparazione

  1. Prepariamo innanzi tutto il liquido che servirà per la cottura dell’arrosto, ovvero un long drink che assomiglia un po’ all’Hugo cocktail. Mescoliamo il prosecco con lo sciroppo di sambuco, una spruzzata di gassosa (o acqua frizzante, o ancor meglio seltz) e qualche fogliolina di menta (dopo che l’abbiamo lavata).

  2. Dobbiamo stoccare l’arrosto: ovvero dobbiamo praticare delle fenditure in cui piazzare un po’ di aglio pulito e alcune foglie di menta.

  3. Massaggiamo l’arrosto con pepe e sale.

  4. In una pentola con un fondo di olio di oliva, rosoliamo ben bene da tutte le parti, rivoltandolo, l’arrosto a fuoco alto.

  5. Abbassiamo la fiamma e versiamo il nostro long drink. Cuociamo a fuoco basso per un’ora e mezza, rivoltando l’arrosto di tanto in tanto.

  6. Tagliamo a fette l’arrosto e serviamo con delle foglie di menta tritata.

Curiosità e consigli

  • Se preferite, potete usare dell’Hugo cocktail già pronto, fatto dal barista o di quello imbottigliato, a bassa gradazione, che si acquista nella grande distribuzione.
  • La cottura potrebbe essere più lunga, valutate in base alla forma del vostro pezzo di vitello.
  • Al posto del long drink potete usare 500 millilitri di brodo di carne o la stessa quantità di vino bianco o rosso.