Dettagli ricetta

Preparazione

1 ora e 30 minuti

Difficoltà

Cottura

45 minuti

Costo

Dosi

per 6 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Polpo arrosto

Il polpo arrosto è un piatto dalla preparazione lenta, anche se con poche fasi di realizzazione. In realtà, chiamarlo polpo arrosto è un po’ fuorviante, dato che il polpo viene dapprima bollito e poi scottato su una piastra, meglio se in ghisa.

La lunghezza della preparazione è dovuta al fatto che il polpo, volendo, cuoce in maniera molto veloce se bollito (ma è la stessa cosa se state cucinandolo in umido) a fuoco alto. Poi si indurisce e solo una cottura lenta e lunga (a fuoco basso, ovviamente) assicura che l’ingrediente principale resti morbido e gradevole quando lo addentate.

È necessario che il polpo sia marinato dopo la bollitura, perché questo tipo di cottura solitamente non esalta i sapori della cucina di mare. Avete mai provato, ad esempio, a bollire cozze e vongole prima di utilizzarle in una zuppa perché magari temete per una questione di sicurezza alimentare? Sicuramente in questo modo cozze e vongole sono sicure al 100% (se utilizzate solo quelle che si sono aperte), ma perdono in gusto e lo stesso avviene con il polpo bollito.

Di solito, a fine cottura il polpo arrosto si condisce con gli ingredienti che si erano usati per marinarlo, ma potete provare anche qualcosa di differente, per esempio un letto di purea di fave.

Quando preparare questa ricetta?

Il polpo arrosto è una ricetta da preparare quando avete tempo per dedicarvi alla cucina, dato che la realizzazione è piuttosto lunga. Va bene per pranzo o per cena, perché è un secondo o un piatto unico molto leggero.

Preparazione

  1. In pescheria, fatevi pulire preventivamente il polpo fresco. Una volta a casa, bollitelo a testa in giù in una pentola piena d’acqua per circa tre quarti d’ora. Controllate di tanto in tanto la cottura.

  2. Tagliate il polpo a pezzi e marinatelo per una mezz’ora in un’amalgama abbondante di olio, sale e pepe.

  3. Scottate su una piastra di ghisa i pezzetti di polpo rivoltandoli con una pinza.

  4. Impiattate il polpo aggiungendoci sopra l’amalgama di olio, sale e pepe rimanente.

Varianti

Polpo alla griglia

Il polpo alla griglia prevede di scottare direttamente il polpo tagliato in grossi pezzi su una piastra in ghisa.

Polpo alla catalana

Si tratta di un polpo cotto con diversi ortaggi, come cipolla, carote, sedano, pomodori e l’ausilio di alcune spezie.

Curiosità e consigli

  • La cottura del polpo può in realtà avvenire in due modi. La più pratica è a fuoco lento, ma si può pensare anche solo a una cottura veloce di 5 minuti a fuoco alto: fatelo solo però se siete già avvezzi a questo tipo di cottura.
  • La questione della cottura è importante: il polpo cuoce velocemente e diventa morbido, poi si indurisce e torna morbido con la cottura a fuoco lento.
  • Potete immaginare di accostargli un contorno: un grande classico sono le patate al forno, ma un connubio perfetto può essere un letto di purea di fave.