Dettagli ricetta

Preparazione

40 minuti

Difficoltà

Cottura

0 minuti

Costo

Dosi

per 8 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Torta Fedora

Si fa presto a parlare di torta Fedora: si tratta del nome di un dessert che genera infatti un po’ di confusione. C’è una torta fedora tipicamente siciliana e ce n’è un’altra tipicamente toscana. Entrambe speciali a loro modo, entrambe golose ma diversissime.

La torta fedora toscana è infatti realizzata con un solo strato di pan di Spagna bagnato con Alchermes, successivamente farcito con crema pasticciera e uno strato di panna che cerca di formare un piccolo monticello: quest’ultimo viene coperto con una sorta di sacco a base di pasta di mandorle al cacao in “sfoglie” disposte in maniera un po’ rustica. E quindi può nascere un certo dubbio che si tratti di una ricetta tradizionale della Sicilia, regione in cui l’utilizzo della pasta di mandorle nei dessert è talmente ampia da rappresentare un grosso fattore culturale.

La torta fedora siciliana invece, di cui diamo qui la ricetta, è sì un dessert a base di mandorle, ma parliamo di mandorle disposte in lamelle decorative. Il condimento-decorazione principale è affidato a un altro ingrediente tipico della pasticceria siciliana, ovvero la ricotta.

Quale che sia la vostra torta fedora di riferimento, il nostro consiglio è di prepararle entrambe. Non ci può essere confronto tra loro perché sono diversissime, ma a volte alla gola non si comanda.

Quando preparare questa ricetta?

La torta fedora è un dessert da fine pasto, quindi da consumare a pranzo oppure a cena.

Preparazione

  1. Tagliate a metà il pan di Spagna per farcirlo internamente. Potete acquistarlo già pronto, altrimenti seguite la nostra ricetta del pan di Spagna.

  2. Preparate la bagna mescolando insieme una parte di rum, una parte di acqua, un po’ di zucchero e una buccia di limone per aromatizzare.

  3. Preparate la crema mescolando la ricotta con lo zucchero a velo e un po’ di buccia grattugiata di limone. Dividetene la quantità a metà in due ciotole: in una mescolateci le gocce di cioccolato in una quantità secondo preferenze.

  4. Bagnate la metà inferiore del pan di Spagna con la bagna e farcite con la metà della crema di ricotta che contiene le gocce di cioccolato. Dopo aver bagnato l’altra metà del pan di Spagna con la bagna dal lato che andrà a toccare la crema di ricotta, “chiudete” la torta.

  5. Con l’altra metà della crema di ricotta (quella senza cioccolato), decorate esternamente la torta. Potete farlo con un coltello lungo, con una spatola oppure con la sac a poche o con un mix di tutte queste tecniche. Decorate con le lamelle di mandorle e le fragole.

Varianti

Torta fedora toscana

La torta fedora toscana o fiorentina è composta da vari strati, partendo dal basso: uno strato di pan di Spagna, la crema pasticciera bagnata con Alchermes, la panna e infine esternamente della pasta di mandorle al cacao. La torta viene modellata come se la pasta di mandorle avvolgesse tutto, culminando in una piccola montagna di bontà. Opzionalmente la superficie viene spolverizzata con zucchero a velo.

Torta fedora Bimby

In questa variante fasi e ingredienti restano gli stessi, ma la preparazione avviene attraverso gli accessori Bimby.

Curiosità e consigli

  • La superficie della torta fedora può essere inoltre decorata con frutta fresca (per esempio frutti di bosco) oppure frutta candita.
  • La ricotta che viene di solito utilizzata è la ricotta di pecora, ma va da sé che, se uno non la ama, può essere sostituita con ricotta vaccina.
  • Sia la torta fedora siciliana che quella toscana non sono adatte agli intolleranti al lattosio, per la presenza della ricotta nell’una e della panna nell’altra.