Dettagli ricetta

Preparazione

50 minuti

Difficoltà

Cottura

40 minuti

Costo

Dosi

per 6 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Ziti lardiati

Gli ziti lardiati (o lardati) sono un piatto tipico della cucina campana. Si tratta di pastasciutta, nello specifico ziti, che vengono conditi con una salsa a base di pomodori pelati, lardo di Colonnata e cipolla. E nel piatto c’è il tocco finale: qualche foglia di basilico e del pecorino grattugiato. Gli ziti vengono spezzati di solito prima della bollitura, ma potete anche tagliarli nel piatto.

La bellezza degli ziti lardiati consiste nel fatto che si tratta di un piatto molto rustico e saporito. La ricetta si basa sul solido equilibrio in cui il gusto delicato del lardo viene bilanciato con la cipolla e il pomodoro. Naturalmente la cottura deve avvenire a fuoco lento, lentissimo, affinché i sapori si amalgamino, in modo da costituire qualcosa di assolutamente unico.

La realizzazione degli ziti lardiati non è brevissima ma è semplice. Si adatta quindi a pranzi e cene in cui il tempo a disposizione non è particolarmente breve, ma al tempo stesso si presta a non essere molto impegnativa.

Sazia molto però: per cui se preparate la ricetta a cena e non volete appesantirvi, può rappresentare semplicemente un piatto unico. D’altra parte contiene diversi ingredienti: ci sono gli ortaggi, cioè pomodori e cipolla, c’è la pasta, c’è il formaggio e c’è anche la carne rappresentata dal lardo.

Quando preparare questa ricetta?

Gli ziti lardiati sono un primo piatto che può essere consumato durante il pasto, quindi a pranzo o cena.

Preparazione

  1. Spezzate gli ziti e bolliteli in abbondante acqua salata. Scolateli però un minuto prima della fine della cottura.

  2. Pulite e tritate la cipolla. Sminuzzate il lardo. Fateli dorare per una decina di minuti a fuoco lento in una padella con un po’ d’olio.

  3. Spezzettate grossolanamente i pomodori pelati e aggiungeteli in cottura. Continuate a cuocere a fuoco lentissimo per una mezz’ora mettendo sulla padella il coperchio. Aggiustate di sale se occorre.

  4. Aggiungete alla padella gli ziti scolateli e mescolate tutto.

  5. Impiattate aggiungendo qualche foglia di basilico fresco e del pecorino grattugiato.

Varianti

Ziti lardiati e tonno

In questa variante, verso la fine della cottura del condimento, aggiungeteci due scatolette di tonno (160 grammi) scolate e 4 acciughe sotto sale spezzettate a mano.

Curiosità e consigli

  • Se non amate i pelati, potete usare una passata di pomodoro rustica con molta polpa.
  • Gli ziti possono anche essere lasciati integri e poi essere tagliuzzati nel piatto una volta cotti.