diredonna network
logo
Ricetta: Casatiello napoletano

Cipolle al forno

Frittata di Asparagi

Canapè

Mousse di salmone

Quiche lorraine

Torta pasqualina

Torta salata ai carciofi

Scarpazzone

Rustico Ricotta e Spinaci

Tartine alla spuma di prosciutto cotto

Casatiello napoletano

Dettagli ricetta

Preparazione

1 ora e 0 minuti

Difficoltà

Cottura

50 minuti

Costo

Dosi

per 1 casatiello di circa 1 kg

Stagioni

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Ingredienti

Per l'impasto:
Per il ripieno:
Per spennellare:
Per decorare:
  • Uova
    5

Casatiello napoletano

Il casatiello napoletano è un tipico rustico della cucina napoletana preparato nel periodo di Pasqua. La sua diffusione, così come quella della pastiera, risale al 600. Si prepara a partire da una pasta di pane farcita con formaggio, strutto e cicoli. Successivamente viene cotto in forno a legna.

Molto simile al tortano, mentre il primo si consuma tutto l’anno, il casatiello è specifico del periodo pasquale. Sta infatti a simboleggiare la corona di spine del crocefisso. Esistono anche diverse versioni dolci delle ricetta, per esempio una è preparata con uova, zucchero, strutto e glassa e in superficie viene decorata con confetti colorati.

Nel casatiello le uova vengono posizionate intere, crude e con il guscio e vengono cotte insieme al rustico. Di questo rustico esistono diverse varianti, soprattutto per quanto riguarda i diversi tipi di farcitura. Il casatiello viene preparato anche come pranzo al sacco durante le gite fuori porta, tipiche del giorno di Pasquetta. Le uova e la farcitura rendono questo rustico un pranzo pressoché completo.

 

Preparazione

  1. 1.

    Per prima cosa setacciate la farina in una ciotola capiente e aggiungete il lievito di birra, il pepe e lo strutto. Sciogliete il sale nell’acqua tiepida e aggiungetelo nella ciotola. Impastate il tutto fino ad amalgamare gli ingredienti.

  2. 2.

    Trasferite l’impasto su un piano di lavoro così da ottenere un composto liscio e omogeneo che adagerete in una ciotola unta di strutto. Coprite con della pellicola per alimenti e lasciate lievitare a circa 30° per 2 ore e mezza o comunque fin quando il volume non sarà raddoppiato.

  3. 3.

    Trascorso questo tempo, spolverizzate della farina su un piano di lavoro. Prendete l’impasto e lavoratelo per qualche secondo. Stendete un rettangolo abbastanza lungo (deve essere circa 40×65 cm).

  4. 4.

    Dal lato più stretto tagliate via una striscia di circa 5 centimetri che vi servirà successivamente per fermare le uova che porrete in superficie come decorazione. Abbiate cura di coprirla con una pellicola per non farla seccare.

  5. 5.

    Cospargete la sfoglia ottenuta con i formaggi grattugiati, la pancetta, la scamorza e il salame, avendo cura di lasciare un bordo intorno non cosparso di ingredienti e utile per sigillare il casatiello. Arrotolate la sfoglia sul lato più lungo e formate un grosso rotolo.

  6. 6.

    Ungete uno stampo a ciambella con dello strutto e ponete il rotolo ottenuto all’interno. Sovrapponete leggermente le due estremità e fate lievitare per almeno un’ora o comunque fino a che il casatiello napoletano non abbia raggiunto il margine superiore dello stampo. 

  7. 7.

    Quando il casatiello avrà raggiunto il margine, prendete le uova e ponetele delicatamente sulla superficie dell’impasto, posizionandole a uguale distanza una dall’altra. Stendete poi la pasta avanzata e ritagliate delle piccole strisce dello spessore di circa 1/2 centimetro che posizionerete a croce su ogni uovo.

  8. 8.

    Spennellate delicatamente con un uovo sbattuto la superficie del casatiello e infornate poi  a 200° per circa 45-50 minuti. Servite a fette.

Curiosità e consigli

  • La pasta viene lavorata in modo da ottenere la tipica forma della ciambella e fatta lievitare molto a lungo. 
  • La ricetta dovrebbe essere eseguita con pasta acida e andrebbe utilizzata una farina di media forza. 
  • La lievitazione deve durare circa 12 ore. 
  • Fino alla prima metà del secolo scorso era usuale portare a cuocere il casatiello presso forni o panetterie invece che cuocerlo in casa.