diredonna network
logo
Ricetta: Triglie alla livornese

Spaghetti al nero di seppia

Risotto al melograno

Risotto al vino rosso

Mazzancolle in padella

Riso pilaf

Fagioli all'uccelletto

Nutellotti

Nutella bianca

Delizia al limone

Empanadas

Triglie alla livornese

Dettagli ricetta

Preparazione

20 minuti

Difficoltà

Cottura

10 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Ingredienti

Triglie alla livornese

Le triglie alla livornese sono un secondo piatto a base di pesce molto gustoso e leggero. Come per tutte le ricette di pesce, gli ingredienti devono essere di qualità per ottenere una resa migliore del piatto finito. La ricetta può essere considerata molto light in quanto non vengono utilizzati grassi aggiunti di nessun tipo e, tornando al discorso degli ingredienti, se questi sono veramente di qualitàpuò essere considerata anche una ricetta iposodica.

Noi oggi vi proponiamo le triglie come ingrediente principale, ma dovete sapere che questa ricetta può essere preparata con moltissimi altri tipi di pesce eccezion fatta per il pangasio e il pesce persico africano. Seguiteci e scoprite la ricetta passo passo insieme a noi!

Quando preparare questa ricetta?

Le triglie alla livornese si preparano in occasione di una gustosa cena a base di pesce.

Preparazione

  1. 1.

    Per prima cosa pulite le triglie e squamatele. Fate attenzione a questo passaggio altrimenti le squame potranno finire nel sugo di cottura. A parte lavate i pomodorini e tagliateli a cubetti, quindi versate in padella con gli spicchi d’aglio ben puliti.

  2. 2.

    Proseguite la cottura fino a che il sughetto non si sarà ristretto, quindi regolate di sale e unite anche il peperoncino. Salate le triglie internamente e infarinatele leggermente, quindi ponetele nella padella con il sugo. Lasciate cuocere il tutto per circa 10 minuti girandole a metà cottura.

  3. 3.

    Spegnete il fuoco e servite le triglie alla livornese spolverizzandole con del prezzemolo fresco tritato.

Varianti

Triglie fritte

Le triglie fritte sono un’ottima alternativa alle triglie alla livornese. Si preparano molto semplicemente: basterà infarinare le triglie e nel frattempo far scaldare l’olio in una padella. Quando quest’ultimo avrà raggiunto la temperatura ideale, si uniscono le triglie e si fanno friggere fino a doratura.

Si tolgono dall’olio e si fanno asciugare su carta assorbente in modo da eliminare l’olio in eccesso. Si salano e si servono in tavola con spicchi di limone.

Triglie al cartoccio

Le triglie al cartoccio si preparano preriscaldando il forno a 200°C e lavando accuratamente le triglie, dopo averle opportunamente pulite e squamate. Nella pancia di ogni triglia si aggiungono olio, una fettina di acqua e un po’ di sale grosso.

Nel frattempo si lava il prezzemolo e si trita finemente. Si prende la carta stagnola e su ogni foglio si versa un filo d’olio, quindi si dispone il pesce insieme a un altro filo d’olio extravergine e a una manciata di prezzemolo tritato e a un pizzico di pepe.

A questo punto si chiudono i cartocci e si dispongono in una pirofila, quindi si inforna tutto in forno preriscaldato a 200° per circa 20 minuti. Trascorso questo tempo le triglie al cartoccio si servono in tavola ben calde.

Triglie al limone

Le triglie al limone si preparano pulendo bene il pesce, salandolo e passandolo nella farina. A parte si spremono i limoni e si filtra il succo. In una padella si fa scaldare l’olio extravergine d’oliva e si aggiunge il pesce in modo da farlo rosolare su entrambi i lati.

Quando il pesce è ben rosolato su tutti i lati si aggiunge il succo di limone e si fa cuocere il tutto fino a che il sughetto non si addensa. Le triglie al limone si servono in tavola con con una spolverata di pepe nero.

Curiosità e consigli

  • Le triglie alla livornese si consumano immediatamente e ben calde. 
  • Se non vi piacciono le triglie, potrete utilizzare altri tipi di pesce.
  • Il piatto può essere congelato solo se sono stati utilizzati ingredienti freschi. 
  • Per una resa migliore si consiglia di utilizzare dei pomodori freschi.