diredonna network
logo
Ricetta: Frittelle di cavolfiore

Frittelle di cavolfiore

Dettagli ricetta

Preparazione

21 minuti

Difficoltà

Cottura

11 minuti

Costo

Dosi

Per 5 persone

Stagioni

Ingredienti

Frittelle di cavolfiore

Le frittelle di cavolfiore sono un secondo piatto sfizioso e semplice da preparare e da servire per cena o come antipasto finger food.

Buone e gustosissime, le frittelle di cavolfiore generalmente piacciono moltissimo anche ai bambini e sono ottime anche servite fredde. Seguiteci per scoprire la ricetta!

Quando preparare questa ricetta?

Le frittelle di cavolfiore si preparano in occasione di un aperitivo o una cena.

Preparazione

  1. 1.

    Per prima cosa pulite e lessate il cavolfiore in abbondante acqua, quindi scolatelo bene in modo da eliminare tutto il liquido in eccesso. Nel frattempo preparate la pastella mescolando in una ciotola uova, farina, formaggio grattugiato e acqua frizzante molto fredda.

  2. 2.

    Aggiungete quest’ultima poco alla volta in modo da regolarvi con la densità che volete ottenere. A parte schiacciate il cavolfiore con una forchetta e lasciatene qualche pezzo in maniera più grossolana. Unitelo alla pastella, regolate di sale e pepe e mescolate molto bene il tutto.

  3. 3.

    In una padella scaldate l’olio e, non appena avrà raggiunto la giusta temperatura, versatevi il composto a cucchiaiate all’interno. Friggete le frittelle per un paio di minuto per lato e, non appena saranno ben dorate su entrambe i lati, toglietele dall’olio e disponetele su un foglio di carta assorbente in modo da far perdere loro l’olio in eccesso.

  4. 4.

    Servite le frittelle di cavolfiore in tavola ben calde.

Varianti

Frittelle di cavolfiore al forno

Le frittelle di cavolfiore al forno si preparano lavando le cimette di cavolfiore e cuocendole al vapore per circa 40 minuti, quindi schiacciandole con una forchetta fino a ottenere una purea. Si uniscono le uova, la farina, il parmigiano grattugiato, il sale e il pepe, quindi si mescola il tutto fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Si unge una teglia con dell’olio extravergine d’oliva e si versano tanti cucchiai di impasto sulla sua superficie, schiacciandoli ogni cerchio fatto con il cucchiaio in modo da ottenere una sorta di frittella. Si cuociono in forno a 200° per 15 minuti, dopodiché si apre il forno, si girano sull’altro lato e si prosegue con la cottura per altri 15 minuti.

Le frittelle di cavolfiore si sfornano e si servono in tavola ben calde.

Frittelle di cavolfiore senza uova

Le frittelle di cavolfiore senza uova si preparano lessando il cavolfiore in abbondante acqua salata e facendolo, successivamente, raffreddare. A parte si prepara una pastella a base di farina, lievito e acqua, sale e pepe alla quale poi viene aggiunto il cavolfiore schiacciato.

Si mescola bene e nel frattempo si versa l’olio in padella e lo si fa scaldare. Si versa all’interno l’impasto a cucchiaiate e si friggono le frittelle fino a doratura, dopodiché si servono in tavola ben calde.

Frittelle di cavolfiore Bimby

Le frittelle di cavolfiore si preparano anche col Bimby: vediamo insieme come fare. Inserite l’acqua nel boccale, posizionate il Varoma e cuocete le cimette di cavolfiore a velocità 1 per 30 minuti. Svuotate il boccale e pulitelo bene, quindi lavate e asciugate il prezzemolo e tritatelo nel boccale a velocità 7 per 5 secondi.

Unite la farina, l’uovo e il parmigiano insieme all’acqua fredda, al sale e al pepe. Frullate tutto per 30 secondi a velocità 4 e, nel frattempo, prendete il cavolfiore messo da parte e unitelo al composto, quindi mescolate bene il tutto a velocità 3 per 20 secondi.

Scaldate l’olio in una padella e, non appena avrà raggiunto la giusta temperatura, unite il composto a cucchiaiate e cuocete le frittelle fino a doratura. Toglietele dall’olio ed eliminate l’olio in eccesso ponendole su carta assorbente, quindi servitele in tavola ben calde.

Curiosità e consigli

  • Le frittelle di cavolfiore si conservano per al massimo 3-4 giorni.
  • Si sconsiglia la congelazione.
  • Possono essere arricchite con altri ingredienti, come ad esempio la pancetta in modo da insaporirle maggiormente.