Dettagli ricetta

Preparazione

30 minuti

Difficoltà

Cottura

45 minuti

Costo

Dosi

per 6 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Carbonada

La carbonada è una antica ricetta della Val D’Aosta a base di carne. Assomiglia, soprattutto per quanto riguarda una parte del procedimento, ad altri secondi piatti tipici delle regioni del nord Italia, come ad esempio lo stracotto di asino.

Stracotto d'asino

Le due ricette hanno in comune la lunga marinatura della carne nel vino, che iniziala sera prima del giorno in cui il piatto viene cucinato. Inoltre anche la carne di manzo viene poi cotta a lungo nel vino, con l’aggiunta di aromi che ne caratterizzano sia il sapore che il profumo.

Probabilmente la ricetta ha la sua vera origine in Belgio, oppure in Francia, dato che il nome francese di questo piatto è carbonade.

Tuttavia alcune ricette fiamminghe propongono la cottura nella birra, anziché nel vino, cambiando decisamente il gusto al piatto finito. Essendo la Val D’Aosta una terra di confine, spesso le sue tradizioni si mischiano e confondono con quelle di altri paesi, ma ora questo piatto è così conosciuto e radicato nel territorio da poter essere considerato rappresentativo al pari della fonduta.

Fonduta di formaggio

La carbonada viene cucinata in inverno e servita necessariamente con la polenta fumante, oppure con le patatine fritte e l’insalata, oltre che con un calice di buon vino rosso.

Quando preparare questa ricetta?

Preparate la carbonada in inverno, per un pranzo della domenica.

Preparazione

  1. La sera prima del giorno in cui volete preparare la ricetta, mettete a marinare la carne, tagliata a spezzatino, nel vino rosso con rosmarino, bacche di ginepro, qualche foglia di alloro.

  2. Tagliate a fettine molto sottili la cipolla e fatela rosolare nel burro, senza farla colorare.

  3. Aggiungete lo spezzatino di carne e lasciatelo rosolare, salate e pepate.

  4. Fate scaldare il vino e aggiungetelo ben caldo alla padella con la carne, dopo aver filtrato gli aromi.

  5. Cuocete per almeno 50 minuti, controllando che non evapori del tutto il vino. Nel caso, aggiungetene altro. Servitene caldo.

Varianti

Carbonada Bimby

Dopo aver lasciato marinare la carne nel vino e negli aromi come indicato nella ricetta originale, potete cuocerla nel cestello del Bimby.
Prima di tutto, tritate la cipolla con alcuni colpi di turbo, poi aggiungete il burro e cuocete a 100°C per 3 minuti. Quindi, adagiate lo spezzatino nel cestello e posizionatelo sopra le lame. Ricoprite di vino caldo, salate, pepate e azionate il Bimby, con antiorario inserito, a 100°C per 30 minuti, vel. 1. Versate poi la carne nel piatto di portata e ricopritela con il sughetto che si sarà formato nel fondo del boccale.

Carbonada cilena

La carbonada cilena è una zuppa piuttosto ricca, realizzata con molte verdure e la carne di manzo. Per realizzarla, iniziate tritando a pezzi piccoli una cipolla, una carota, due patate e una manciata di fagiolini. Tagliate anche 500g di manzo a spezzatino, poi fate scaldare una pentola di brodo. In una casseruola, fate rosolare la carne con la cipolla che avete tagliato e, non appena prende colore, aggiungete le altre verdure, tranne i fagiolini. Ricoprite con il brodo caldo, salate, pepate e aggiungete altre spezie a piacere, o peperoncino se gradite. Cuocete per circa 25 minuti, quindi aggiungete i fagiolini tagliati, un bicchiere di piselli e un bicchiere di mais. Cuocete altri 10 minuti e servite la zuppa ben calda.

Curiosità e consigli

  • Scegliete un taglio di carne di manzo magra, come la noce, lo scamone o la polpa della spalla.