Sagne 'ncannulate

Un primo piatto di eccellenza in Salento: scopriamo l'origine e la ricetta delle sagne 'ncannulate.

Dettagli ricetta

Preparazione

20 minuti

Difficoltà

Cottura

10 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Sagne 'ncannulate

Tipiche del Salento, le sagne ‘ncannulate (lasagne intrecciate) sono il primo piatto tradizionale della domenica pugliese.

Il termine ‘ncannulate sta per attorcigliate e sta ad indicare il metodo attraverso il quale viene preparata questa fantastica pasta fresca.

Realizzate con farina di semola di grano duro, le sagne sono nate per rendere omaggio a San Giuseppe. Anche in questo caso, infatti, sembrerebbe che la loro particolare forma stia a ricordare i trucioli di legno delle botteghe dei falegnami, in onore del santo protettore.

Questo formato di pasta molto noto in Salento accompagna le domeniche tradizionali in famiglia. Le sagne ‘ncannulate vengono preparate con un sugo di pomodori maturi e un’abbondante grattata di ricotta forte, tradizionalmente chiamata schianta.

Un tempo le sagne venivano preparate il giorno prima, il sabato, affinché potessero essiccarsi fino al giorno dopo per avere una consistenza perfetta. Come ogni tipo di pasta fresca è fondamentale fate attenzione al procedimento di preparazione e soprattutto all’abilità manuale di rendere l’impasto liscio ed elastico.

Il piatto è molto semplice da realizzare, ma ricco dei sapori genuini e originari del territorio pugliese. Basti pensare alle orecchiette, altro pasta tipica della Regione. Ecco perché ve ne riproponiamo la ricetta:

Orecchiette con cime di rapa

Quando preparare questa ricetta?

Le sagne ‘ncannulate sono una ricetta perfetta per un pranzo domenicale in famiglia.

Preparazione

  1. Setacciate la farina sulla spianatoia e disponetela a fontana.

  2. Versate l’acqua al centro, un po’ alla volta, e lavorate con le mani per ottenere un impasto morbido per circa 10 minuti.

  3. Coprite l’impasto con pellicola trasparente e lasciate riposare per 30 minuti.

  4. Dividete l’impasto in due panetti. Infarinate il piano da lavoro e iniziate a stendere ottenendo una sfoglia non troppo sottile. Chiudetela su se stessa e formate delle listarelle di circa un centimetro di larghezza.

  5. Prendete una alla volta, pizzicate leggermente l’estremità con la mano e fate scorrere la pasta sul piano al fine di arrotolarla.

  6. Adagiate le sagne su un piano infarinato e lasciatele riposare per qualche ora.

  7. Preparate il sugo. Fate riscaldare dell’olio in un una padella, versate la salsa di pomodoro e lasciate cuocere per almeno un’ora.

  8. Lessate le sagne in abbondante acqua salata per pochi minuti. Unitele alla salsa. Preparate la ricotta e versatela in sfoglie sul piatto.

Varianti

Sagne ‘ncannulate ai frutti di mare

Le sagne ‘ncannulate sono perfette anche per essere accompagnate da un sugo a base di frutti di mare. La ricetta è molto semplice. Preparate e pulite cozze, vongole e gamberi.

Fate soffriggere in padella olio e aglio per circa 5 minuti. Unite i frutti di mare e qualche pomodorino. Fate cuocere per circa dieci minuti. Aggiungete un bicchiere di vino e fate evaporare.

Quando sarà cotta la pasta, aggiungetela in una padella e mescolate il tutto.

Sagne ‘ncannulate Bimby

Le sagne ‘ncannulate possono essere velocemente realizzate anche con il Bimby. Inserite gli ingredienti nel boccale e e impastare: 1 minuto e 30 secondi vel. spiga.

Curiosità e consigli

  • Il termine ‘ncannulate deriva dal fatto che possono essere realizzate utilizzando una canna per arrotolarle.
  • Le sagne vengono condite con un soffritto di ceci, meglio conosciuto come “Ciceri e Tria”.
  • Le sagne possono essere abbinate anche con altri condimenti come i broccoli o la ricotta.