diredonna network
logo
Ricetta: Fregola sarda

Cipolline in agrodolce

Rame di Napoli

Baci di Alassio

Filetto alla Rossini

Speculoos

Carne alla Genovese

Topinambur al forno

Tagliatelle al forno

Zucchine alla poverella

Cotton cake

Fregola sarda

Dettagli ricetta

Preparazione

20 minuti

Difficoltà

Cottura

15 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Ingredienti

Fregola sarda

La fregola sarda è una tipica pasta della Sardegna a base di semola e acqua, che richiama in qualche modo il cous cous.

È infatti composta da tante piccole sfere più grossolane rispetto al cous cous.

Al di fuori della Sardegna è molto difficile trovarla. È una pasta prodotta tramite un catino di cioccio che viene rotolato e tostato in forno.

Tradizionalmente la fregola ha delle dimensioni irregolari e viene utilizzata per le minestre in brodo, di carne o pesce. 

Preparazione

  1. 1.

    Per preparare la fregola sarda versare la semola in un piatto fondo molto largo e spargerla accuratamente con le dita per formare la classica fontana. 

  2. 2.

    Al centro aggiungere un bicchiere di acqua tiepida in cui precedentemente dovrete sciogliere un pizzico di sale.

  3. 3.

    A questo punto lavorare la semola con i polpastrelli e girarla e rigirarla fino a quando si aggrega formando delle piccole palline. 

  4. 4.

    Stenderla un canovaccio pulito su una spianatoia di legno e distribuirvi la preparazione ottenuta per farla asciugare.

  5. 5.

    Allargatela bene con le dita e sgranatela per evitare che si formino grumi. Fare riposare il tutto per una notte.

  6. 6.

    Trascorso questo tempo trasferire la semola su una teglia e infornarla per circa 15 minuti.

  7. 7.

    Sfornare e lasciar raffreddare completamente prima di utilizzarla. 

  8. 8.

    Condirla a piacimento per creare i piatti che più preferite.

Varianti

Gnocchetti sardi con ragà di salsiccia e semi di finocchietto

Anche questa ricetta è originaria del Campidano ed è sicuramente un piatto molto sostanzioso e gustoso. Perfetto per chi ama i sapori rustici e decisi.

Curiosità e consigli

  • Si consiglia di provarla con le arselle, ovvero un particolare tipo di vongole.
  • Il termine fregola deriva da fregare. Ciò deriva dall'atto di procreazione che avviene tra i pesci quando depongono le uova. 
  • È una pasta originaria più che altro del Campidano, zona della Sardegna.
  • È fondamentale far riposare a semola per una notte prima che sia infornata. In questo modo non si formeranno grumi. 
  • Prima di utilizzarla per le preparazioni che preferite, fatela raffreddare.
  • Si conserva in un barattolo a chiusura ermetica.