diredonna network
logo
Ricetta: Pappa al pomodoro fiorentina

Salmone al cartoccio

Salsa tartara

Muffin alle mele

Carpaccio di zucchine

Kimchi

Pettole

Bisque di gamberi

Torta di grano saraceno

Marmellata di pomodori verdi

Salsa olandese

Pappa al pomodoro fiorentina

Dettagli ricetta

Preparazione

15 minuti

Difficoltà

Cottura

50 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Ingredienti

Pappa al pomodoro fiorentina

La pappa al pomodoro fiorentina è un primo piatto tipico della città di Firenze di origine povera che viene preparato con pane toscano raffermo, pomodori, aglio, basilico e olio. È quel che si definisce esattamente un piatto di recupero dal momento che si utilizza il pane raffermo.

È ottima sia servita calda nelle fredde giornate invernali, che a temperatura ambiente d’estate. Ovviamente viene preparata ampiamente in tutta la Toscana e ognuno apporta le sue personali modifiche e varianti in base ai propri gusti.

Quando preparare questa ricetta?

La pappa al pomodoro fiorentina è una zuppa che si prepara in modo da essere servita nelle fredde giornate invernali o nelle giornate estive a temperatura ambiente con crostini di pane raffermo.

Preparazione

  1. 1.

    Innanzitutto preparare il brodo vegetale e metterlo da parte, solo a questo punto potremo iniziare la preparazione della pappa al pomodoro. Iniziamo dall’affettare sottilmente il pane toscano e ponete le fette su una leccarda ricoperta di carta forno.

  2. 2.

    Infornate a 200°C per qualche minuto. Una volta sfornate lasciatele intiepidire e quando saranno intiepidite strofinateci sopra gli spicchi d’aglio sbucciati. Prendete una padella con i bordi alti e ponetevi all’interno il pane tostato.

  3. 3.

    Versate all’interno la passata di pomodori e il brodo vegetale. Le fette di pane dovranno essere ricoperte. A questo punto unite lo zucchero e fate cuocere a fuoco basso per 40-50 minuti per far evaporare completamente il brodo.

  4. 4.

    Mescolate di tanto in tanto in modo da consentire una cottura uniforme. Il pane dovrà spappolarsi completamente. Regolate di sale e pepe e a cottura ultimata guarnire con foglie di basilico spezzettate e condite con abbondante olio extravergine d’oliva.

  5. 5.

    Servite la pappa al pomodoro.

Varianti

Pappa al pomodoro con il bimby

Mettere nel boccale l’olio e l’aglio e far soffriggere il tutto a 100° velocità 1 per 4 minuti. Aggiungere i pomodori, il sale, il pepe, lo zucchero, il dado e qualche foglia di basilico e cuocere il tutto a 100° velocità 1 per 8 minuti. Tagliare il pane e bagnarlo col brodo. Quando sarà ben morbido aggiungerlo nel boccale e farlo cuocere per 6 minuti a 100° velocità 1. Guarnire con foglie di basilico e condire con olio a crudo.

 

Pappa al pomodoro con pesce

La pappa al pomodoro si prepara anche col pesce e solitamente per tale preparazione si scelgono i calamari e i polipetti. Lasciar cuocere per qualche minuto dopodichè sfumare il tutto con del vino bianco. Ora unire cozze e vongole, fate insaporire unite il pomodoro e lasciate cuocere per circa 20 minuti. Unite il pane e proseguite la cottura per altri 15 minuti. Servite con olio a crudo e basilico spezzettato.

Pappa la pomodoro dell’Artusi

Anche l’Artusi nel suo libro “La scienza in cucina” ci parla della pappa al pomodoro e ci dice che si prepara tritando la cipolla e soffriggendola in olio d’oliva. Unire poi, i pomodori freschi e un po’ di conserva. A parte cuocere il pane raffermo tagliato a cubetti insieme ad aglio e basilico. Unire il peperoncino e mescolare bene. Proseguite la cottura fino a quando il pane non si spappolerà. Servite la pappa al pomodoro con un filo d’olio extravergine d’oliva.

Curiosità e consigli

  • La pappa al pomodoro si conserva per massimo due giorni in frigorifero, chiusa in un contenitore ermetico. 
  • Insieme alle foglie di basilico al termine della cottura potrete aggiungere degli aghi di rosmarino. 
  • Viene servita ben calda in inverno o a temperatura ambiente d'estate. 
  • Se volete utilizzare i pomodori freschi dovrete spellarli ed eliminare tutti i semi interni. 
  • Si sconsiglia la congelazione.