Dettagli ricetta

Preparazione

30 minuti

Difficoltà

Cottura

20 minuti

Costo

Dosi

per 2 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Finanziera alla piemontese

La finanziera alla piemontese è, come si evince dal nome, un piatto che fa parte della tradizione culinaria del Piemonte. Si tratta di un secondo piatto a base di carne, anche se ne esiste una variante a esclusiva base di verdure, che viene di solito usata per condire primi piatti di pasta.

C’è da dire che ad alcuni potrebbe fare un po’ impressione: la finanziera alla piemontese viene preparata con parti poco nobili del vitello, come testicoli e cervello, ma anche creste di pollo o di gallo. Diciamo che sono parti poco consuete e non è detto che, se non siete addentro a certe tradizioni gastronomiche, il piatto non possa risultarvi inquietante. Niente paura, è abbastanza normale quando si incontrano tradizioni diverse dalla propria: per cui non preparatela se avete dei commensali che non hanno voglia di provare qualcosa di nuovo.

Anzi, per la precisione, d’antico. La ricetta della finanziera alla piemontese infatti proviene da una lunga tradizione. Pare che fosse conosciuta già durante il Medioevo: tuttavia la prima attestazione della ricetta è datata 1450, quindi proprio al confine con l’Età Moderna. La finanziera alla piemontese nasce come piatto povero, legata al riutilizzo di frattaglie e scarti di animali come pollo e vitello.

Ma c’è chi pensa che a un certo punto della sua storia la finanziera alla piemontese sia diventata una ricetta diffusa tra le classi sociali più alte, meritandosi il nome che porta. Si tratta però solo di un’ipotesi: il nome è da sempre avvolto nel più fitto mistero.

Quando preparare questa ricetta?

La finanziera alla piemontese è un secondo piatto che può essere preparato per pranzo o per cena.

Preparazione

  1. Sbollentate le animelle.

  2. In una padella con un fondo d’olio e un po’ d’aglio e rosmarino, fate saltare filoni, creste, animelle, granelle. Aggiungete poi i cetrioli a fettine e le cipolline, i funghi tagliati a pezzettoni e i pezzetti di filetto.

  3. Versate un po’ di farina e mescolate tutto. Non vi preoccupate se il cibo si attacca un po’ alle pareti della padella: è assolutamente normale ed è segno che state facendo bene.

  4. Sfumate con aceto e marsala. Aggiungete un po’ d’acqua, due noci di burro e continuate la cottura per circa un quarto d’ora a fuoco lento.

  5. Prendete un’altra padella e fate insaporire l’aglio con un fondo d’olio. Versateci petto di pollo, piselli, cervella, rosmarino. Pollo e cervella vanno prima infarinati lievemente.

  6. Impiattate mescolando i contenuti delle due padelle. Consumare caldo.

Varianti

Finanziera di verdure

La finanziera di verdure è un perfetto condimento per la pasta che si prepara saltando in padella e poi cuocendo a fuoco lento, con un fondo d’olio e dell’aglio, delle carote, dei carciofi, piselli, funghi e cipolla. Completano il quadro del grana padano e il succo di mezzo limone.

Curiosità e consigli

  • I filoni di vitello sono una parte dell’animale che si trova nella colonna vertebrale.
  • Le granelle sono i testicoli del vitello.
  • Potete usare i funghi porcini, ma anche gli champignon crema vanno molto bene, specialmente se ne avete disponibili di molto grandi.