Frustingo marchigiano

Il tipico dolce delle feste natalizie nelle Marche con fichi, frutta secca e tanto altro. Scopriamo insieme come prepararlo.

Dettagli ricetta

Preparazione

1 ora e 0 minuti

Difficoltà

Cottura

1 ora e 0 minuti

Costo

Dosi

per 4 persone

Stagioni

Autunno Inverno Primavera Estate

Frustingo marchigiano

Pronti a una ricetta particolare per questo Natale? Il frustingo è un dolce tipico della tradizione marchigiana, a base di fichi e frutta secca. Dal sapore speziato e molto deciso, è un piatto che proviene addirittura dagli Etruschi. Si racconta, infatti, che sia il dolce più antico che esista.

Il termine frustingo deriva dal latino “frustum” che significa “pezzetto” o “tozzo”. Questo dolce, infatti, viene preparato con il pane raffermo. Si tratta di una ricetta molto povera, un pasto molto nutriente per i contadini che dovevano avere l’energia necessaria per lavorare incessantemente anche d’inverno.

Il frustingo viene chiamato in diversi modi a seconda della zona: in ascolano è detto fruštìnghë, in fermano frustingu e nel pesarese bostrengo. Fu definito anche “Panis picentinus” da Plinio il Vecchio nella sua “Naturalis Historia”, che descriveva una sorta di pane povero impastato con succo d’uva, ammorbidito nel miele.

Nel corso del tempo la ricetta ha subito molte aggiunte e, soprattutto, ogni zona lo personalizza, aggiungendo ai fichi secchi, mosto e liquori di ogni tipo. La preparazione del frustingo è piuttosto elaborata. Sono necessarie, infatti, dalle 24 alle 48 ore per ottenerne uno davvero ottimo.

Accompagnato da un bicchiere di vino cotto, è un piacevole modo per brindare al Natale.

Se siete dei grandi amanti dei fichi, non potete perdervi anche questa ricetta:

Fichi caramellati

Quando preparare questa ricetta?

La ricetta del frustingo Marchigiano è ideale per Natale, ma anche per arricchire il cenone di Capodanno.

Preparazione

  1. Per prima cosa bisogna far bollire i fichi secchi in una pentola con abbondante acqua. Quando si saranno ammorbiditi, scolateli e, appena freddi, tagliateli a pezzetti. Aggiungete la frutta secca un po’ alla volta dopo averla tritata.

  2. Prendete una ciotola capiente. Versate dentro fichi, uvetta, mandorle, noci, canditi. Mescolate bene il composto aggiungendo il cioccolato, il caffè, il mosto cotto (o la sapa) e tutto il resto.

  3. Aggiungete farina e pane raffermo grattugiato per dare consistenza. Se considerate il composto troppo denso potete aggiungere altra sapa, in caso contrario aggiungete farina o pane.

  4. Lasciate riposare l’impasto per 1-2 ore.

  5. Versate il composto in una teglia, ben oleata, e mettete in forno a 180° per circa 35-40 minuti. Spennellate la superficie del dolce con l’olio extravergine di oliva.

  6. Quando il dolce sarà freddo, decorate a piacere con pezzetti di frutta secca, canditi e zucchero a velo.

Varianti

Frustingo Bimby

La preparazione con il Bimby è molto semplice. In una prima fase mettete nel boccale il pane secco e tritate 20 secondi vel. 8. Fate lo stesso con tutta la frutta secca e mettete da parte.

All’interno del boccale inserite i fichi secchi tagliati grossolanamente, 200 ml di acqua e 1 bicchiere di mosto o sapa. Lasciate cuocere per circa 30 minuti a velocità bassa. Una volta cotti i fichi dovrete lasciare il composto a riposare per circa 24 ore.

Il giorno dopo inserite nel boccale i fichi ammollati, il pane raffermo e tutta la frutta secca, farina, cacao, caffè, uvetta, noce moscata, rum, cannella e lavorate per 20 secondi a vel. 5.

L’impasto è pronto. Va inserito all’interno dello stampo e cotto in forno.

Curiosità e consigli

  • Il Frustingo si conserva a lungo, tenuto in luogo fresco e asciutto.
  • Se volete che lo mangino anche i bambini potete farne una versione senza liquore.
  • Per dare un tocco di dolcezza in più potete utilizzare anche la confettura di fichi.